Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 08:01 - 20/1/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Presidente in quota Forza Italia.

Per capire il personaggio ed il suo rapporto col caimano , si trova abbondante materiale e penso anche dagli atti parlamentari , l appoggio alla tesi della nipote .....
HOCKEY

Finalmente arancione anche in campo femminile assoluto, dopo oltre un decennio una formazione di Pistoia torna alle competizioni e con buone prospettive future.

SCHERMA

Davide Cutillo ha staccato il biglietto per la finale dei campionati italiani under 17 di fioretto che si disputeranno nel prossimo mese di maggio a Catania.

BASKET

Tredicesima vittoria consecutiva per la Gema Montecatini, che dopo un mese di stop in campionato (causa pausa natalizia e poi le prime due giornate rimandate dal covid) ha dimostrato di non avere affatto ruggine o scorie addosso.

SCHERMA

Prima grande soddisfazione nel circuito europeo under 17 per Fabio Mastromarino. 

SCHERMA

Un azzurro per due.

BASKET

Ventinove giorni dopo l'ultima volta, Gema Montecatini è pronta a tornare in campo per una partita ufficiale. Il 17 dicembre, giorno della dodicesima vittoria consecutiva a Prato, sembra però ormai lontanissimo.

BASKET

Riceviamo da parte di Mtvb Herons e pubblichiamo.

HOCKEY

Se non è un evento poco ci manca, finalmente dopo oltre un decennio di assenza Pistoia ripresenterà una formazione senior femminile nei massimi campionati italiani.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

none_o

Inaugurazione il 19 gennaio alle 18,30, nei locali della Federazione provinciale di Rifondazione Comunista di Pistoia.

La signora in blu
Viaggio nel profumo delle .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno di Terra, Cardinale, domiciliato in Saturno ed esaltato in Marte.

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

L'oroscopo di gennaio

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
MONSUMMANO
Pasqui e Conti (Bene Comune): "Alluvioni non causate da proliferare della fauna, ma da mancato sbocco delle acque"

13/8/2014 - 10:49

Giacomo Pasqui e Marco Conti (Monsummano Terme Bene Comune) intervengono dopo gli eventi alluvionali.

"Dai primi punti venuti fuori dalla riunione di Larciano in cui rappresentanti comunali e di associazioni di produttori si sono confrontati a seguito degli ultimi eventi alluvionali è evidente che se si è deciso giustamente di impegnarsi per evitare il ripetersi di tali e ormai frequenti avvenimenti è anche vero che si dimostra di non aver voluto analizzare le motivazioni e conseguentemente le responsabilità amministrative che ci sono dietro a quanto successo.


Si conferma che le norme vigenti riguardo alla ripulitura dei terreni e il rispetto dei 4 metri di fascia dagli argini non sono state applicate e quindi non state fatte rispettare come invece doveva avvenire. E qui la colpa ricade integralmente sulle autorità comunali.


Ma si mette in evidenza anche le mancanze del Consorzio di bonifica e non vorremmo che i timori dichiarati lo scorso ottobre dall’ex sindaco di Buggiano Daniele Bettarini riguardo all’accorpamento con l’area pisana, fossero ben fondati in merito alla funzionalità e quindi sulla siucrezza del territorio valdinievolino.


Dando al Consorzio determinati meriti che ha avuto in passato nella gestione del territorio, è anche vero che c’è stata una mancata programmazione di determinati interventi atti a scongiurare o almeno a limitare tali eventi alluvionali in quanto le forti piogge non sono certo una novità di quest’ultimo anno.


Per quanto riguarda l’area monsummanese delle Case e i fossi che scendono nella zona delle Colmate è sufficiente guardare al loro interno il livello dell’acqua che a fasi alterne sale e scende mostrando una mancata pendenza e quindi una difficoltà dei flussi a scorrere a valle verso l’area del Padule. La valle quindi diventa monte e viceversa. E questa è una mancanza degli addetti ai lavori.


È giusto che i fossi siano ripuliti e scavati quanto necessario come in passato veniva sempre fatto. In questi giorni si è inoltre detto che i materiali derivati da ricavature dei fossi possono essere in alcuni casi inquinati. Ma allora c’è da chiedersi che cosa o chi li inquina. Forse l’acqua che vi passa? Allora bisogna sapere come mai tale acqua risulta essere inquinata. Cosa vi viene versato? E da chi?


È vero che il proliferare di certa fauna crea danni agli argini, ma il problema in quest’ultima alluvione non è stata la rottura di questi bensì il mancato sbocco delle acque. Vari sono infatti i terreni rialzati e in alcuni punti si creano veri e propri campi buca senza punti di uscita per l’acqua. Basta andare nella zona degli orti sociali in località Le Case a Monsummano per rendersene conto.


Insomma, dalla riunione di Larciano paiono essere venuti fuori punti in parte apprezzabili ma anche generici e non viene fatta minimamente un’analisi delle cause alluvionali, o meglio si scarica banalmente e senza pudore la colpa su animali ed eventi climatici “straordinari”. Manca insomma il coraggio di affrontare le proprie responsabilità come amministratori del territorio sia per quanto riguarda i Comuni sia per quanto riguarda il Consorzio di bonifica.


Per risolvere tali problemi è bene ritornare a occuparsi dei corsi d’acqua come avveniva in passato, non concedere permessi facili per la cementificazione, far rispettare le norme già esistenti sia ai Comuni che ai privati e far fare i lavori con coscienza da ditte seriamente professionali e possibilmente dai Comuni stessi.


A riprova della vera e propria scelleratezza di questi tempi in allegato ci sono foto che mostrano cumuli enormi di terra solo da pochi giorni in parte già spostati, anche se sempre precari. Ma questo è avvenuto anche grazie alla segnalazione di un cittadino dopo che erano settimane che si trovavano nel mezzo del canale ostruendolo come una diga. Tale terra, ironicamente, era il residuo di lavori sotto gli stessi argini".

Fonte: Monsummano Terme bene comune
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: