Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 00:11 - 30/11/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Il Consiglio comunale che si è svolto venerdì scorso, è stato di gran lunga il più significativo degli ultimi tempi.
Innanzitutto, ha mostrato il sindaco Baroncini sulla difensiva. Tanto sulla .....
PISTOIA

Mister Riolfo riesce ad invertire il trand negativo della Pistoiese, che nelle ultime cinque partite aveva racimolato appena un punto.Adesso, i tre punti ottenuti grazie ad un 2-0 che rispecchia perfettamente i valori in campo, consentono alla Pistoiese di guardare al futuro con un briciolo di ottimismo in più. 

CALCIO

Con soli 9 punti e reduci in settimana da un avvicendamento alla guida tecnica (via il mite Frustalupi e dentro il grintoso Riolfo), gli arancioni non possono commettere altri passi falsi, se vogliono evitare le secche della bassa classifica.

CALCIO

Che la sorte di Frustalupi fosse fortemente in bilico, era la classifica stessa a dirlo.

CALCIO

Una cosa ci teniamo a dirla: noi di Valdinievole Oggi non siamo osservatori imparziali. Siamo sportivi, ci mancherebbe altro. Ma siamo tifosi della Pistoiese e soffriamo tantissimo quando vediamo la nostra squadra arrancare in questo modo.

RALLY

Si è conclusa sull’ultima pedana d’arrivo del Campionato Italiano Rally la stagione sportiva di Simone Baroncelli e Donato Bartilucci, portacolori della scuderia Jolly Racing Team impegnati sulle strade dell’ultimo appuntamento del Tricolore 2020.

CALCIO

I campionati non si vincono né si perdono a novembre. Ma per la Pistoiese non è più tempo di lasciare punti preziosi agli avversari. Come, purtroppo, è accaduto nella scorsa gara di campionato con l' Olbia che, con tutto il rispetto per la formazione sarda, non è certo un fulmine di guerra.

RALLY

Novantadue chilometri di prove speciali, le più attese della stagione, quelle che incoroneranno i campioni nazionali.

RALLY

Ha confermato il ruolo di assoluta protagonista, la scuderia Jolly Racing Team. Il sodalizio di Larciano si è infatti congedato dall’asfalto del Rally di Pomarance con il primato conquistato nel confronto tra le scuderie partecipanti.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Donato Carrisi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valerio Massimo Manfredi.

Vivevo la vita,
che non è infinita,
senza l’offesa
del .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Un argomento 'scomodo' e per certi aspetti 'scabroso' per la memoria collettiva.

FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Dal 10 novembre è possibile acquistare il francobollo.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
LAMPORECCHIO
Bechini (Sinistra): "Istituire un registro per le coppie di fatto"

8/1/2013 - 12:31

Ivano Bechini (capogruppo in consiglio comunale di Sinistra per Lamporecchio) ha presentato una mozione sulla promozione delle iniziative in favore delle unioni civili e delle famiglie di fatto. Di seguito pubblichiamo una nota firmata dallo stesso Bechini, mentre in allegato pdf si possono leggere il testo integrale della mozione e una relazione di accompagnamento.

"Questi sono tempi di disincanto e alle persone (di diverse età, non è un problema anagrafico) restano veramente pochi valori a cui aggrapparsi. E sono tempi dove la sperimentazione sociale viene aborrita e dove, ognuno con il proprio portato culturale e di esperienze, cerca un minimo di certezze in istituzioni sociali che hanno mantenuto la loro solidità nei secoli.

 

Tra queste, indubbiamente c’è la famiglia, intesa come primo nucleo sociale ed educativo per una persona. Non a caso, tutti quei movimenti cosiddetti trasgressivi del secolo scorso e che si sono formati su istanze non immediatamente economiche si sono scontrati con le declinazioni in vigore allora del concetto di famiglia.

 

Dalle donne alla riscoperta di se stesse ai giovani, categorie assolutamente “generiche” e sfociate poi in movimenti sociali e culturali avanzati (le femministe come i giovani “provos”, hippie, contestatori, ecc. ecc, ma anche i gay e coloro che della questione sessuale provarono a farne una battaglia politica) certamente non solo in Italia ma anche in tutta la vecchia Europa e oltre. E, non a caso, oggi, le pratiche di molte persone che ormai sono parti ampie e visibili di società civile, riconducono a gestioni in qualche modo più avanzate della “cosa” chiamata famiglia.

 

Oggi abbiamo famiglie “aperte”, abbiamo famiglie non registrate alla Chiesa (anche perché le contraddizioni tra fede e pratiche religiose assenti sono sempre più insopportabili) e neanche allo Stato, per una insopprimibile voglia di libertà scoppiata proprio nella seconda metà del secolo scorso e da difendere come elemento inscindibile dalla propria personalità; ma abbiamo anche famiglie di fatto che nascono per semplice bisogno di affetto che non viene cercato od offerto in altri modi. E sono tutte famiglie che in Italia non sono tutelate. Sicuramente, per motivi legislativi ma anche e soprattutto per una questione culturale di fondo.

 

E siccome io sono tra coloro che pensano che le cose immateriali come la cultura in realtà sono molto legate a interessi pratici e al controllo sociale, trovo ormai insopportabile che nessuno, per quel che può fare, provi ad avanzare una proposta per una maggior tutela di una fetta di società sempre più ampia, assai variegata e, proprio per la sua eterogeneità, difficilmente autorappresentativa.


Il fenomeno delle famiglie e delle coppie di fatto si sta allargando sempre di più e anche nei nostri territori comincia ad assumere una visibilità ed un ruolo che fino a pochi anni fa era quasi impensabile. E ci sono anche delle ricadute di ordine pratico e sociale che hanno bisogno di emergere dal silenzio e dalla impalpabilità imposti dal nulla normativo che decenni di governi cosiddetti liberali non hanno minimamente pensato di riempire o almeno di cominciare a occupare, rispondendo così a richieste forti e chiare emerse da tempo dalla cosiddetta società civile.

 

Eppure, in un paese dove il tema della famiglia viene sbandierato come un vero e proprio feticcio a ogni accenno di crisi sociale, quello che viene chiesto è semplicemente il riconoscimento di un bisogno vero e di un dato di fatto che nella società è – come per tante altre cose – indubbiamente già acquisito nella pratica di milioni di persone: il riconoscimento della famiglia come elemento sociale. In base a questo ragionamento, ho avanzato una mozione al consiglio comunale di Lamporecchio che ha come scopo principale quello dell’istituzione di un “Registro delle coppie di fatto” che permetta a coloro che intendono usufruirne, la tutela della dignità delle coppie e delle famiglie di fatto e ne promuove il pubblico rispetto.

 

Che non è solo una questione di educazione ma anche e soprattutto una questione di pari dignità e diritti pratici, almeno sul piano amministrativo locale; ché si sa bene, la questione del diritto di famiglia non può che essere affrontata a livello di governo centrale. Personalmente, non ho nessuna fiducia in un futuro (a breve) governo nazionale e allora, dal mio piccolissimo osservatorio di consigliere di un comune da 7800 abitanti, provo a proporre una risposta".




Fonte: Sinistra per Lamporecchio
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: