Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 08:09 - 28/9/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Il "trio contaballe" mi piace. Hanno già dato ampie dimostrazioni e purtroppo per la povera e piccola Italia ci sarà ancora tanto da soffrire. Io comunque aspetto la flat tax, son ricco e mi conviene. .....
RALLY

Arrivano ancora soddisfazioni dalla programmazione sportiva di Jolly Racing Team.

BOCCE

E' terminato con il successo della coppa Giacomo Lorenzini-Matteo Franci (Bocciofila Pieve a Nievole) il 1° Trofeo Sestese Servizi organizzato dalla Bocciofila Sestese domenica 25 settembre.

PODISMO

Ancora Montecatini Terme (Pistoia) alla ribalta nel podismo,infatti domenica 2 ottobre con partenza e arrivo alle Terme Tamerici si disputerà la settima edizione dell’ AVIS RUN.

BASKET

Due giorni di riposo per gli Herons poi da martedì riprende l'attività, si entra nella volata finale, domenica 2 ottobre al via il campionato di Serie B, gli Herons da neopromossi devono adattarsi velocemente alla nuova realtà, hanno lavorato duramente e quindi si sentono pronti. 

BASKET

Ultimo appuntamento con la Coppa Toscana al PalaCardelli dove scendono in campo i padroni di casa della Gioielleria Mancini che affrontano la Libertas Montale, avversario di pari categoria.

BASKET

Gema Montecatini lancia ufficialmente la nuova campagna abbonamenti per la stagione 2022/23 di serie B, in previsione delle 15 partite casalinghe al Palaterme ma anche dei playoff. a cui accederanno le prime quattro squadre del girone (lotta per andare in A2) e le squadre dal quinto al dodicesimo posto.

BASKET

Mtvb Herons Basket comunica con grande orgoglio di avere raggiunto l’accordo con Neri Sottoli, eccellenza del nostro territorio e azienda leader a livello nazionale nel settore alimentare, in qualità di uniform official sponsor per il campionato nazionale di Serie B 2022-23.

RALLY

Saranno le sfide finali della Coppa Rally di VI zona, le tre prove speciali disegnate per il 43. Rally Città di Pistoia, in programma per l’1-2 ottobre.

none_o

Raccontami un libro.

none_o

Riapre martedì 27 settembre la galleria civica montecatinese con una mostra per la prima volta tutta dedicata al fumetto.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Bilancia: 23 settembre al 22 ottobre.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Oggi rivisiteremo una squisitezza romana utilizzando una pasta fantasiosa.

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
SCIENZA E COSCIENZA
di Eva Stasi
Tonni (e non solo!) in pericolo

9/6/2012 - 17:07

Nell’ultima settimana sono stati sequestrati in Italia esemplari di tonno rosso pescato illegalmente e fatto passare per tonno alalunga per un valore totale di più di quattrocentomila euro.

I tonni sono stati catturati nel Mar Tirreno ed erano pronti per essere immessi nel mercato ittico italiano ed estero. Il tonno rosso è una specie a cattura contingentata, per cui le leggi comunitarie prevedono una particolare procedura di tracciabilità.

Sono animali dal ciclo di vita lungo, compiono migrazioni di migliaia di chilometri e purtroppo per loro molto apprezzati sulle tavole.

Le due specie più interessanti dal punto di vista commerciale sono il  tonno rosso (Thunnus thynnus), tanto amato dalla cucina nipponica ed il tonno pinna gialla (Thunnus albacares), che abitualmente consumiamo in scatola, ma anche nel “finto”sushi che si spera passi celermente di moda. In seguito alla forte riduzione delle popolazioni di tonno rosso (esso viene pescato più rapidamente di quanto non si riproduca), il pinna gialla viene sottoposto ad un sempre più crescente sforzo di pesca, tanto da dover essere inserito nella lista ufficiale di specie in pericolo critico di estinzione. Il tonno pinna gialla è il più consumato in Italia, ma ad oggi non esiste una marca di tonno in scatola completamente ecosostenibile e in molti casi questi animali vengono catturati con metodi distruttivi, come i palamiti e le reti a circuizione con l’aiuto di “sistemi di aggregazione” FAD.

I FAD sono oggetti galleggianti che attirano esemplari giovani di tonno, ma anche specie minacciate come tartarughe marine, squali  e altri pesci che regolarmente finiscono nelle reti ad essi associati in modo accidentale. Una volta pescati, tonni diversi vengono conservati e congelati tutti insieme a bordo, e la loro identificazione risulta difficile.

L'utilizzo dei FAD sta distruggendo l'ecosistema marino e conducendo gli stock di tonno verso il collasso.

La maggior parte delle catture accidentali effettuate con questi sistemi risultano esemplari immaturi di tonno pinna gialla, inoltre ci sono studi che evidenziano che i FAD alterano gravemente il ciclo vitale dei tonni, i quali  vengono allontanati dalle rotte migratorie (e così molte altre specie) con gravi ripercussioni su tutto l’ecosistema marino.

Nonostante tutto, in assenza di una gestione seria delle attività di pesca, l’uso di FAD associati a reti a circuizione è cresciuto in maniera considerevole negli ultimi anni: al momento, sembra che circa il 70% delle catture “ufficiali” di tonno derivino dall’uso di questi sistemi.

Nonostante in Italia si faccia molto per vigilare sulla filiera dei prodotti ittici e benché anche le normative europee si orientino sempre più verso la tutela del patrimonio ittico del Mediterraneo, occorre assicurare trasparenza ai consumatori fornendo loro sull’etichetta precise informazioni riguardo al tonno utilizzato nelle scatolette (nome della specie, provenienza e metodo di pesca).

Le grandi catene di distribuzione dovrebbero garantire la vendita solo di esemplari pescati in maniera sostenibile.

E i consumatori, dalla loro, dovrebbero esigere la totale rintracciabilità dei prodotti che acquistano.

Molti casi storici hanno permesso ai consumatori di cambiare la direzione dei distributori: quando venne sollevato il problema   delle catture dei delfini nella pesca al tonno, l'industria ha risposto positivamente e ora molto del  tonno in scatola venduto in Italia è "dolphin safe", ma questo non è sufficiente.

Smettiamo di fare finta di niente, smettiamo di pensare che tutto ciò che non succede nelle nostre case non ci importi, perché soprattutto ciò che concerne l’ambiente ci riguarda direttamente.

Le decisioni dei produttori di tonno in scatola e della grande distribuzione organizzata possono davvero trasformare il mercato.

La soluzione esiste, e prima che anche gli stock ittici vengano totalmente compromessi, come è successo per il tonno rosso del Mediterraneo, bisogna eliminare i sistemi di cattura pericolosi, ridurre lo sforzo di pesca e tutelare con riserve marine le aree più importanti per queste specie. Dovremmo lasciare da parte la pigrizia e l’indifferenza ed  immaginare che i nostri gesti possono fare molto.

 

Cambiare il nostro modo di mangiare potrebbe aiutarci a realizzare ciò che adesso sembra così utopistico: una situazione in cui i consumatori italiani possano mangiare pesce sano e sicuro in un paese in cui il settore della pesca sia redditizio e offra ai  suoi lavoratori impieghi stabili e adeguatamente retribuiti,  in cui i giovani ricomincino a considerare la  pesca come un valido impiego per guadagnarsi da vivere  e in cui si possano sfruttare le risorse del mare senza timore di distruggerle per sempre proprio come sta succedendo in questa epoca.

Se continuiamo a trascurare l’aspetto della sostenibilità, un settore economico già in profonda crisi affonderà nell’indifferenza e nessuno potrà ritenersi avvantaggiato.

 

Eva Stasi

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




10/6/2012 - 11:18

AUTORE:
giuditta

sono molto colpita dalle problematiche che riguardano il mare e la ringrazio per questo articolo che, seppur con poche parole, ci fa pensare che sappiamo poco di quello che succede intorno a noi.spero che il suo articolo, anche nel piccolo della nostra provincia, aiuti a sensibilizzare qualcuno in più sui problemi che affliggono il nostro prezioso mare!

9/6/2012 - 21:07

AUTORE:
Giovanni

Apprezzo il suo accorato appello alla salvaguardia di queste specie ma,devo ammettere che ,al momento,si tratta di cambiare molte cose in ambito pesca e controlli.
Il punto è proprio questo,chi dovrebbe controllare se il tonno è rosso o giallo,pensa che la guardia costiera sia in grado di gestire il mar Tirreno?
In altri campi,vedi normative sulla guida automobilistica,su 10 guidatori d' auto almeno 7 hanno il loro telefonino acceso,non parliamo poi delle cinture che è meglio.
Concludo,tutto bene quanto da lei descritto,ma.mi creda,per risolvere ci vorrebbero persone che abbiano rispetto delle regole e delle leggi che ci sono,argomenti e cose che interessano sempre di meno!