Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 22:12 - 07/12/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Notizia fresca fresca :
Due anziani, pensione sociale , che procedevano con fare sospetto, sono stati fermati dalla GDF .
Alle varie domande , fra l'altro hanno dichiarato di andare a comprare le .....
HOCKEY

La prima fase dei campionati nazionali indoor non arride alle formazioni dell'Hockey Club Pistoia impegnati nei vari tornei.

BASKET

La Gioielleria Mancini impegnata in trasferta ancora con una sfida inedita contro l’Audax Carrara di Francesco Tealdi. Nelle fila monsummanesi da segnalare il ritorno di Gabriele Bellini dopo quasi due mesi di assenza.

RALLY

È un resoconto soddisfacente, quello analizzato da Jolly Racing Team a conclusione del Rally della fettunta, appuntamento svoltosi nel fine settimana sulle strade della provincia di Firenze.

BASKET

Trasferta amara per la Over Nico Basket, che dopo tre quarti giocati in equilibrio, cedono negli ultimi 10 minuti sotto i colpi di una Pielle Livorno in serata di grazia.

BASKET

Fabo Herons annuncia la fine del rapporto di lavoro con Federico Casoni.

CALCIO

Domenica alle ore 14:30 lo stadio "Idilio Cei" di Larciano ospiterà il sessantunesimo derby della storia in campionato tra viola ed azzurri.

BASKET

La Fabo Herons ha un assetto totalmente nuovo, dopo aver preso in A2 Adrian Chiera, dalla serie superiore arriva anche l’ultimo inserimento rossoblù, Marco Arrigoni, milanese, 31 anni, 3 promozioni dalla B alla A2, l’ultima qualche mese fa con Rimini, di cui era capitano.

RALLY

Due stagioni su asfalto e, al termine della seconda per la GR Yaris Rally Cup, arriva il debutto su fondo sterrato. Avrà luogo nel fine settimana prossimo, 10 e 11 dicembre, in occasione del Rally del Brunello, sesto e conclusivo atto del Campionato Italiano Rally Terra, a Montalcino, Siena.

none_o

A dicembre e gennaio le sedi di Pistoia Musei restano sempre aperte.

none_o

Venerdì 9 dicembre alle ore 17,45 sarà inaugurato, presso il foyer del teatro Pacini, il nuovo allestimento.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Fritole veneziane.

Sales and Didactic Consultant

Descrizione della posizione

SI .....
E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
L'ANGOLO DI ALESSIA
di Alessia Iacopini
"Tre per uno" alla galleria McTerme: intervista a Daniele Gaudiano

3/3/2012 - 10:50



Dal 3 al 25 marzo, presso la galleria McTerme, nell’area della ex Lazzi, a Montecatini Terme (via Toti) si terrà la mostra “Tre per uno”, con l’abbinamento di opere di tre giovani artisti locali con quelle di un maestro affermato.
Riccardo Bacci, Daniele Gaudiano e Francesco Niccoli esporranno dunque i propri lavori unitamente a Rocco Normanno.
In vista di questa importante occasione – tanto per gli artisti quanto per la cittadinanza, che può finalmente fruire di uno spazio riservato alla cultura – ho intervistato l’amico Daniele Gaudiano, iscritto all’Accademia di Belle Arti a Firenze, cercando di approfondire alcuni aspetti delle sue creazioni esposte.
Si tratta di una selezione di quadri caratterizzati dalla medesima tecnica (medium espressivo), ovvero il gesso su tela.
Daniele mi ha spiegato il tipo di tecnica utilizzata, che consiste nel preparare la tela con una base (fondo gesso), per poi realizzare, invece, su un altro supporto, l’immagine che, successivamente, viene ribaltata sulla tela, in modo da formare su di essa una sorta di negativo, che poi l’artista riesce ad imprimervi mediante graffi sul supporto che si riflettono sulla tela.
L’opera definitiva, perciò, comprende una dimensione spaziale ed una temporale, in cui la prima è data dalla distanza fisica tra la base pittorica (la sospensione del colore) e la struttura di ogni traccia di gesso, quindi il colore contrapposto al segno, mentre la seconda attiene alla percezione da parte dell’osservatore, il quale ha bisogno di più tempo per capire e ricomporre l’immagine rispetto a quello che richiederebbe un quadro realizzato con una tecnica tradizionale.
Mentre le ultime opere, in ordine di realizzazione temporale, sono mosse da un intento di denuncia della mercificazione del corpo della donna, che costituisce un leit motiv di non immediata evidenza poiché le figure risultano piuttosto decontestualizzate, le prime invece fluttuano in una dimensione onirica meno definita.
 
L'arte, quella vera, quella che viene dall'anima, è così importante nella nostra vita. L'arte ci consola, ci solleva, l'arte ci orienta. L'arte ci cura. Noi non siamo solo quello che mangiamo e l'aria che respiriamo. Siamo anche le storie che abbiamo sentito, le favole con cui ci hanno addormentato da bambini, i libri che abbiamo letto, la musica che abbiamo ascoltato e le emozioni che un quadro, una statua, una poesia ci hanno dato” (Tiziano Terzani, La fine è il mio inizio).
 
Ogni singola parola che compone questa meravigliosa citazione del grande Terzani si colora di una luce particolare dinanzi a un quadro di Daniele, perché i suoi lavori colpiscono anche lo spettatore più distratto, superando la barriera dei sensi e giungendo direttamente al cuore delle emozioni.
Emozioni viscerali, che sembrano toccare angoli dimenticati del nostro inconscio, ricordi tanto lontani che sembrano appartenere ad altre epoche.
Così come Daniele imprime i colori sulla tela attraverso dei graffi, così le sue opere sembrano graffiare quella pellicola di anestetizzante razionalità di cui abitualmente ci rivestiamo, aprendo la porta ai ricordi annidati nella nostra memoria emozionale e a nuove sensazioni che ad essi si intrecciano in un unicum inscindibile.
Si tratta di opere estremamente complesse e mai banali, che un osservatore può apprezzare a più livelli purché respinga ogni tentazione di rifugiarsi in una prospettiva interpretativa preconfezionata: occorre cercare. E non si tratta di una ricerca guidata: non vi è un ordine suggerito nella visione delle opere (6 lavori in totale tra cui un trittico, dunque 8 pezzi), né vi sono univoche chiavi di lettura fornite della sintassi dei quadri.
Ogni singolo elemento, per quanto possa apparire secondario in una visione d’insieme, magari perché poco definito o meno in evidenza, è purtuttavia funzionale alla comprensione; ogni punto della tela può essere scelto per iniziare la lettura, le cui redini sono completamente nelle mani dell’osservatore.
Daniele mi ha infatti spiegato che ogni elemento che compone l’opera ha un ruolo di concorrente e mai di deterrente, che va a chiudere il cerchio del percorso interpretativo.
La grandezza di un artista sta anche nel realizzare un’opera che non esaurisce tutto ciò che può trasmettere in sé stessa, ma che – al contrario – cattura tutto ciò che lo spettatore è disposto a concederle, sotto forma di attenzione ed interpretazione, veicolato dal bagaglio personale di esperienze ed emozioni, e lo restituisce in una forma nuova e più completa e matura, quasi travolgente.
Anche per questo, con i migliori complimenti all’artista e gli auguri per la sua carriera, invito caldamente i lettori a dedicare un piccolo ritaglio del proprio tempo alla visione di queste opere che non potranno sicuramente lasciare indifferenti.
 
La galleria sarà aperta venerdì (16.00-19.00), sabato e domenica (10.30-12.30 e 16.30-19.30).

Fonte: www.mcterme.it
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: