Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 01:12 - 09/12/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Notizia fresca fresca :
Due anziani, pensione sociale , che procedevano con fare sospetto, sono stati fermati dalla GDF .
Alle varie domande , fra l'altro hanno dichiarato di andare a comprare le .....
HOCKEY

La prima fase dei campionati nazionali indoor non arride alle formazioni dell'Hockey Club Pistoia impegnati nei vari tornei.

BASKET

La Gioielleria Mancini impegnata in trasferta ancora con una sfida inedita contro l’Audax Carrara di Francesco Tealdi. Nelle fila monsummanesi da segnalare il ritorno di Gabriele Bellini dopo quasi due mesi di assenza.

RALLY

È un resoconto soddisfacente, quello analizzato da Jolly Racing Team a conclusione del Rally della fettunta, appuntamento svoltosi nel fine settimana sulle strade della provincia di Firenze.

BASKET

Trasferta amara per la Over Nico Basket, che dopo tre quarti giocati in equilibrio, cedono negli ultimi 10 minuti sotto i colpi di una Pielle Livorno in serata di grazia.

BASKET

Fabo Herons annuncia la fine del rapporto di lavoro con Federico Casoni.

CALCIO

Domenica alle ore 14:30 lo stadio "Idilio Cei" di Larciano ospiterà il sessantunesimo derby della storia in campionato tra viola ed azzurri.

BASKET

La Fabo Herons ha un assetto totalmente nuovo, dopo aver preso in A2 Adrian Chiera, dalla serie superiore arriva anche l’ultimo inserimento rossoblù, Marco Arrigoni, milanese, 31 anni, 3 promozioni dalla B alla A2, l’ultima qualche mese fa con Rimini, di cui era capitano.

RALLY

Due stagioni su asfalto e, al termine della seconda per la GR Yaris Rally Cup, arriva il debutto su fondo sterrato. Avrà luogo nel fine settimana prossimo, 10 e 11 dicembre, in occasione del Rally del Brunello, sesto e conclusivo atto del Campionato Italiano Rally Terra, a Montalcino, Siena.

none_o

Gli spazi espositivi della biblioteca concludono il 2022 con una mostra del pittore pistoiese Paolo Tesi.

none_o

A dicembre e gennaio le sedi di Pistoia Musei restano sempre aperte.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Tuiles au chocolat.

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

Sales and Didactic Consultant

Descrizione della posizione

SI .....
E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
L'ANGOLO DI ALESSIA
di Alessia Iacopini
Il Tribunale di Facebook

6/2/2012 - 12:45

La Primavera Araba, che ha incendiato nord Africa e Medioriente, in disparte ogni considerazione sull’evento da un punto di vista politico e sociale, ha fugato ogni dubbio – anche tra i più scettici – sul valore che i social networks possono assumere come mezzi di informazione.
Wikipedia ne parla in questi termini: “Le proteste […] hanno in comune l'uso di tecniche di resistenza civile, comprendente scioperi, manifestazioni, marce e cortei, talvolta anche atti estremi come suicidi e l'autolesionismo, così come l'uso di social network come Facebook e Twitter per organizzare, comunicare e divulgare gli eventi a dispetto dei tentativi di repressione statale. I social network tuttavia non sarebbero il vero motore della rivolta, secondo alcuni osservatori, per i quali "il network della moschea, o del bazar, conta assai più dì Facebook, Google o delle email"”.
Che ne siano i motori propulsori o degli strumenti coadiuvanti, quel che è certo è che hanno giocato un ruolo di prim’ordine in queste rivoluzioni.
Ma come viene utilizzato questo strumento nella vita di tutti i giorni, da parte di giovani (e non solo!)? Cosa si “condivide” con il mondo, qual è il messaggio che filtra?
Alcuni giorni orsono, le bacheche di Facebook sono state invase da simboli di lutto, corredati dalla seguente frase: “Mettete questo segno nella vostra bacheca per protesta contro una sentenza lacerante:‘Niente galera agli stupratori in branco’”.
Non si sprecano termini forti, evidentemente, come “protesta” o “sentenza lacerante”, in relazione ad una sentenza che, ad opera dell’ignoto autore di questo post, viene addirittura virgolettata, quasi fosse una citazione.
Naturalmente, ogni giorno centinaia e centinaia di click hanno pubblicato questa immagine, rafforzandola con commenti davvero sobri e moderati, come: “Vergogna”, “Schifo”, per passare ad apprezzamenti personali del calibro di “L’Italia in mano agli imbecilli” o “Sono dei pazzi scatenati” e “Brutto giudice di …”, concludendo con delle  sagge incitazioni, quali “al rogo senza appello”.
Per non parlare, poi, delle originali proposte avanzate da questi fior fiore di giuristi, indubbiamente meritevoli di essere assunti a tempo indeterminato quali consulenti parlamentari: “ed allora formeremo un branco ed andreo a prendere lo stupratore... che verrà stuprato con legni e bottiglie”.
La domanda si erge inquietante dai meandri del social network: “E se accadesse ad 1 loro famigliare?? Ma dove stiamo andando a finire?”.
Osservazione, ribadita da un altro utente, che giunge ad augurarsi: “speriamo che arriva ad essere stuprato quello che fa questa lege”.


Come avrete notato, l’unico – in questa vicenda – ad essere stato stuprato davvero è l’italiano (nel senso della lingua), questo sconosciuto, insieme al vetusto buonsenso.
Facebook strumento pericoloso per i dittatori, dunque, ma anche per la verità, che in questo fangoso terreno si fa strada a fatica. Alcuni giornalisti (e non) hanno contribuito a far luce sulla oscura vicenda, spiegando come la Corte di Cassazione (lungi dall’aver “fatto una lege”) abbia soltanto restituito al giudice il potere di scegliere la misura cautelare, come accade in relazione a tutti gli altri reati.
Misura“cautelare” – per inciso – significa che si applica prima della sentenza definitiva, pertanto può riguardare anche soggetti che saranno assolti; non è, quindi, una pena ma serve a neutralizzare i pericoli di fuga, inquinamento delle prove e reiterazione del reato. L’esistenza di questi rischi, nonché dei “gravi indizi di colpevolezza”, deve essere valutata dal giudice in concreto, il quale selezionerà – tra tutte le possibili alternative – la misura più idonea.
Ciò che è accaduto in relazione al reato di violenza sessuale è che, con una legge del 2009, il legislatore aveva limitato la scelta del tipo di misura cautelare da parte del giudice, prevedendo la custodia in carcere come unica misura possibile; una soluzione, questa, che oltre ad essere palesemente irragionevole conduce anche a conseguenze paradossali.
Infatti, in forza di questa legge, se il giudice riteneva che ci fossero gli elementi per la custodia in carcere, applicava quella, ed in caso contrario l’indagato restava libero, non essendo più possibile – ad esempio – applicare la misura degli arresti domiciliari.
In buona sostanza, una legge che intendeva punire più gravemente gli stupratori finiva persino per avvantaggiarli.
La Corte costituzionale, intervenuta su questo aspetto, ha dichiarato l’incostituzionalità della norma in questione, riaffermando la libertà del giudice nella scelta della misura cautelare più idonea. La sentenza della Corte di Cassazione, su cui si sono incentrate le proteste del web, ha semplicemente affermato che tale libertà deve aversi non solo nell’ipotesi di violenza sessuale “semplice”, ma anche in quella di stupro “di gruppo”. Il che è assolutamente ragionevole.
Squarciato il velo di Maya, le reazioni degli utenti di Facebook risultano quantomai grottesche. Al di là delle carenze lessicali, della pochezza intellettuale di certi commentatori, dell’indistinta e banale invocazione della violenza e della legge del taglione per qualsiasi (pur grave, anzi gravissimo) reato, ciò che vorrei sottolineare è l’assoluta pigrizia nel reperire le informazioni.
Il meccanismo è più o meno il seguente: vedo un post in bacheca, dice qualcosa di non ben definito su una non meglio identificata sentenza, recepisco i concetti chiave “NIENTE-GALERA-STUPRATORI”, mi assale un irrefrenabile moto di indignazione che sfogo digitando parole (?) ingiuriose e condividendo la notizia. Fine dell’indignazione.
Proprio mentre il web è pronto a sommergere qualsiasi diligente persona con valanghe di articoli, più o meno pregevoli ma quantomeno informati, grazie ai quali arricchire un minimo la propria conoscenza sull’argomento, per capire davvero come stanno le cose. Per cultura, ma anche semplicemente per dignità personale, giusto per evitare di fare la figura del fesso quando la balla viene riconosciuta.
Se in un mare di notizie, quale è il web, ci si accontenta di tre parole e sulla base di quelle ci si sente giustificati a diffondere ulteriormente la bufala, peraltro decorandola con epiteti irripetibili e deliranti farneticazioni, forse il problema dell’informazione in Italia non è solo a monte, grazie ad alcuni sedicenti giornalisti indegni di questa qualifica, ma anche a valle, quando i cittadini si accontentano della (dis)informazione che giunge tramite Facebook.

Fonte: Facebook, http://www.julienews.it/notizia/cronaca/lo-stupro-di-gruppo-delle-leggi-fatto-su-facebook/100573_cronaca_2_1.html , http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2012/02/03/domenico-gallo-per-favore-non-sparate-sulla-cassazione/
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: