Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 00:02 - 02/2/2023
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Frasi che mi avviliscono .
Offese gratuite e magari anche giuste .
Ma espresse così mi paiono vergognose .
Quando si esprime un giudizio senza aggiungere un perché , e atto di violenza "fascista"
Troppo .....
BASKET

Fabo Herons Montecatini rende noto che il giocatore Dominic Laffitte, in accordo con il club, concluderà la presente stagione sportiva con un'altra squadra, con l'obiettivo di avere maggiore spazio sul parquet.

HOCKEY

La stagione indoor si conclude amaramente per gli arancioni che retrocedono nella A2 nazionale del campionato in questione e magari anche con qualche recriminazione perchè forse si poteva riuscire, in una mezza impresa, a rimanere più in alto.

AUTOMOBILISMO

La F1 Italiana è la gara più popolare in Italia.

BASKET

La Gioielleria Mancini inaugura il girone di ritorno con la difficilissima trasferta a Prato contro il Prato Basket Giovane, attualmente al terzo posto in classifica. La Cronaca della partita Vettori apre la partita con una bomba, Lorenzo Bogani accorcia e Pinna impatta dalla lunetta ma Vettori piazza un’altra bomba.

SCI

Gradito ritorno sulle nostre montagne del comprensorio sciistico di Abetone e della val di Luce di una tappa dello Ski Tour 2022-2023.

SCI

Ha preso il via in questi giorni la 41° edizione di Pinocchio sugli sci, la rassegna giovanile di sci alpino più amata d’Italia e tra le 5 più importanti al mondo.

BASKET

Gli studenti dell'Istituto professionale di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità alberghiera "Ferdinando Martini" di Montecatini Terme saranno ospiti domenica 29 gennaio al Palaterme in occasione della partita del campionato di Serie B Old Wild West tra Fabo Herons Montecatini e Legnano Knights.

CICLISMO

E' iniziata nel migliore dei modi la stagione 2023 del Team Corratec che si sta mettendo in mostra nella Vuelta a San Juan a confronto con squadre e corridori di alto livello.

none_o

"Raccontami un libro", di Ilaria Cecchi.

none_o

Dal 27 gennaio al 10 febbraio da Artistikamente (via Porta al Borgo 18), è in programma una mostra di Franco Bovani.

La mamma albergava nella casa che cura,
aveva le doglie, non .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo di febbraio. 

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

Abbiamo aperto il 2023 con la selezione di due nuovi posti di .....
Buonasera. Cerchiamo addetto al ricevimento con buona conoscenza .....
PONTE BUGGIANESE
Commemorazione Eccidio del padule di Fucecchio

29/8/2011 - 9:01

MANIFESTAZIONE UNITARIA
COMMEMORAZIONE ECCIDIO DEL PADULE DI FUCECCHIO
 28 agosto 2011
 
 
INTERVENTO DEL SINDACO: Pier Luigi Galligani
 
 
Il Sacrificio del 23 agosto 1944 è ancor oggi, a 67 anni di distanza, vivo e presente nelle nostre coscienze.
L’Eccidio del Padule di Fucecchio, è una delle più atroci stragi che si consumarono in quei giorni d’estate; 184 Vittime civili, inermi e innocenti: bambini, donne, anziani, uomini vennero barbaramente trucidati, con una violenza che inorridisce.
Per chi ha vissuto quei momenti il ricordo è scolpito in maniera indelebile nella loro mente; per molti di noi, che hanno avuto la fortuna di nascere successivamente, è stato l’oggetto dei racconti dei nostri nonni e dei nostri genitori o dello studio di libri e documenti.
A distanza di anni,  si è faticosamente ricostruita la Verità storica di questo tragico avvenimento e, proprio per questo, oggi si può oggi affermare che:
-          non fu un’operazione militare finalizzata a determinare l’andamento della guerra: il fronte era sull’Arno a pochi chilometri, di lì a pochi giorni le truppe alleate avrebbero liberato queste terre (a Ponte Buggianese arrivarono il 1° settembre);
-          non fu un’azione contro i Partigiani; quelli presenti nel nostro Padule si erano ormai attestati sulle montagne dell’Appennino;
-          non fu una Rappresaglia, anche se questa idea è circolata fra la popolazione; non ci sono episodi che richiamano questa evenienza prevista dal Comando del Generale Kesselring.
E’dimostrato che fu un deliberato atto di terrorismo di guerra!
Un atto che voleva lasciare “Terra Bruciata” dopo il ritiro delle Truppe Tedesche che, con questa strategia volevano intimidire ed eliminare qualsiasi possibilità di sostegno ai “Liberatori” da parte delle popolazioni civili.
Un atto a cui pochi soggetti locali, aderenti ad una ideologia totalitaria e tragica come è stato il Regime Fascista nel nostro Paese, dettero sicuramente aiuto e collaborazione.
Un atto (come ci ha ricordato alcuni giorni fa il Sindaco di Larciano) che ha scritto un’altra delle tragiche pagine della sciagurata seconda guerra mondiale; conflitto che per la prima volta nella storia vide cadere più vittime civili che militari.
Questo tragico avvenimento, così come altri, con caratteristiche simili, che hanno insanguinato altre parti della Toscana è, anche, elemento di alto valore storico e culturale nel complesso tessuto politico e sociale che ha marcato la storia del nostro Paese, nella prima metà del secolo passato.
L'Eccidio del Padule di Fucecchio e gli altri Eccidi perpetrati in altri luoghi d'Italia, costituiscono il substrato su cui si sono sviluppati gli ideali di Libertà, di Giustizia Sociale, di Solidarietà, di Tolleranza e di Pace, che stanno alla base del Patto unitario delle Forze antifasciste e sono il Fondamento della Carta Costituzionale della Repubblica Italiana.
Con questa Commemorazione del 67° anniversario dell'Eccidio del Padule di Fucecchio, celebriamo proprio questi Ideali e questi Valori, che vogliamo confermati, sempre più vivi e attuali.
Con queste Cerimonie vogliamo rendere testimonianza, che non deve alimentare vecchi e nuovi risentimenti, ma deve richiamare e dare nuova forza a quei valori che prima ricordavo; valori che assumono oggi maggiore importanza in questo mondo sempre più globale e sempre più difficile da capire.
Noi siamo qui per ricordare e per trarre insegnamenti!
I nostri sentimenti non devono essere di odio, di rancore, di vendetta, ma questo non deve far venire meno l’impegno alla ricerca della Verità e della Giustizia.
E’ per questo motivo che ci siamo costituiti parte civile nel procedimento penale nei confronti di alcuni responsabili dell'Eccidio. Così come altri Comuni e Istituzioni  del Comprensorio, della Provincia e della Regione, oltre ai parenti delle Vittime
La recente sentenza del Tribunale Militare di Roma di condanna esemplare è stata accolta con profonda soddisfazione ed il risultato è dovuto anche alla serietà, tenacia e professionalità  del Procuratore militare della Repubblica Dott. Marco De Paolis e dal lavoro dei nostri Avvocati coordinati dall’Avv.  Massimo Brancoli.
E anche in questa occasione, così come ho già fatto in altre circostanze, voglio sottolineare come la nostra azione sia stata ispirata, fondamentalmente, da un profondo senso di giustizia e di dignità e vuole significare, anche se a distanza di anni, un giusto riconoscimento del sacrificio di persone inermi vittime delle stragi, accumunati dallo stesso spirito e facendosi interpreti di un sentimento condiviso dalla popolazione a partire dai superstiti e dai familiari.
Finalmente questa sentenza contribuisce a dare una risposta a quella ricerca della Verità, che prima ricordavo e che in passato non si è perseguita fino in fondo e di cui non va sottovalutato il valore storico, che prevale sugli effetti della condanna nei confronti di imputati al crepuscolo della vita.
La voglia della verità deve essere altrettanto forte e determinata verso chi tenta di revisionare i fatti storici, con lo scopo di giustificare o di valorizzare chi ha parteggiato o agito contro la libertà e la democrazia. Gli atti volti ad equiparare i combattenti della libertà con i combattenti in difesa della dittatura e della violenza (come oggi si tende a fare)  sono da denunciare come attacchi alle nostre regole costituzionali. Quel complesso di Principi e di Regole  che ha reso possibili questi anni di pace, di cooperazione, di sviluppo e di benessere.
Ciascuno di noi ha quindi un compito da svolgere: rendere testimonianza di quei drammatici giorni del 1944, dove enorme è stato il contributo di sofferenza e di sangue, nella consapevolezza che nessuna cultura, nessun futuro per i popoli nasce nel vuoto di memoria e nel deserto dei valori.
I moniti come quello scritto sul muro del lager di Dachau e spesso richiamato da Primo Levi: "chi ignora la storia sarà costretto a riviverla", devono far riflettere sui doveri a cui tutti siamo chiamati.
Oggi che, rispetto ai fatti che si ricordano si sta superando lo spartiacque  fra storia e memoria, il nostro dovere morale è tenere vivo il sentimento di chi ha subito ed ha vissuto quelle tragiche esperienze che hanno segnato la loro vita.
In una stagione in cui tornano gli spettri del razzismo e dell'intolleranza, in un mondo dove da più parte regna l'oppressione e di nuovo si muore e si uccide in guerre etniche e di religione, la responsabilità dell'educazione delle nuove generazioni diventa per ciascuno un impegno primario; educhiamo i nostri figli sulla necessità del rifiuto assoluto della violenza, della guerra, del sopruso e dell'arroganza. Ricordando, però, il Monito di Sandro Pertini: “I giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi…”
Prendiamo lezioni dalla storia che non può mutarsi, dal sacrificio delle vittime ricaviamo la forza per affermare i valori dell'unità, dell'armonia e della concordia, perché un popolo progredisce soltanto se capace di trarre dalla storia lezioni di pace, di giustizia e di libertà.

 

NEGLI ALLEGATI GLI ALTRI INTERVENTI


 
 
 
 
 
 
 
 






 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: