Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 23:11 - 25/11/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Io a queste considerazioni metafisiche sulla condotta umana degli eletti , ci ho sempre creduto poco .

Se la Costituzione prevede che il rappresentante eletto rappresenti l'elettore pur non essendone .....
CALCIO

Che la sorte di Frustalupi fosse fortemente in bilico, era la classifica stessa a dirlo.

CALCIO

Una cosa ci teniamo a dirla: noi di Valdinievole Oggi non siamo osservatori imparziali. Siamo sportivi, ci mancherebbe altro. Ma siamo tifosi della Pistoiese e soffriamo tantissimo quando vediamo la nostra squadra arrancare in questo modo.

RALLY

Si è conclusa sull’ultima pedana d’arrivo del Campionato Italiano Rally la stagione sportiva di Simone Baroncelli e Donato Bartilucci, portacolori della scuderia Jolly Racing Team impegnati sulle strade dell’ultimo appuntamento del Tricolore 2020.

CALCIO

I campionati non si vincono né si perdono a novembre. Ma per la Pistoiese non è più tempo di lasciare punti preziosi agli avversari. Come, purtroppo, è accaduto nella scorsa gara di campionato con l' Olbia che, con tutto il rispetto per la formazione sarda, non è certo un fulmine di guerra.

RALLY

Novantadue chilometri di prove speciali, le più attese della stagione, quelle che incoroneranno i campioni nazionali.

RALLY

Ha confermato il ruolo di assoluta protagonista, la scuderia Jolly Racing Team. Il sodalizio di Larciano si è infatti congedato dall’asfalto del Rally di Pomarance con il primato conquistato nel confronto tra le scuderie partecipanti.

SPORT

Autodemolizioni Dolfi, azienda leader del settore di demolizione e smaltimento dei veicoli a motore, entra nel calcio maschile e nella pallavolo femminile, supportando Sporting Casini e Progetto Volley Bottegone.

BASKET

Durante la settimana sono state riscontrate alcune positività al Covid-19. Pertanto la gara interna contro il Jolly Livorno, che si sarebbe dovuta disputare sabato 14 novembre, è stata rinviata a data da destinarsi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valerio Massimo Manfredi.

none_o

Il libro «Videomodeling e autismo. Descrizione di un intervento educativo», è stato pubblicato da Erickson Live.

Vivevo la vita,
che non è infinita,
senza l’offesa
del .....
FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Dal 10 novembre è possibile acquistare il francobollo.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Nato a Vienna nel 1747 è stato Granduca di Toscana dal 1765 al 1790.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
ATTUALITA' LIBERE PROFESSIONI
Questa volta vincono i commercialisti italiani

17/8/2011 - 10:30


Accesso alla professione libero da restrizioni numeriche e geografiche; obbligo per legge di formazione continua con corredo di sanzioni espressamente previste;

tirocinio professionale già durante gli ultimi anni dell’università ed espressa previsione del diritto del tirocinante ad un equo compenso;

piena derogabilità dei minimi tariffari; obbligo di copertura assicurativa per danni da responsabilità professionale;

netta separazione tra funzione amministrativa di gestione dell’Albo e funzione disciplinare; piena libertà di pubblicità:

questi i sette punti elencati dal comma 5 dell’art. 3 del DL 138/2011 a cui tutti gli ordinamenti professionali dovranno conformarsi entro 12 mesi dall’entrata in vigore del decreto.

Il tutto “fermo restando l’esame di Stato di cui all’art. 33 co. 5 della Costituzione per l’accesso alle professioni regolamentate”.

Per chi anelava a trasformare la crisi nella “opportunità” per fare piazza pulita del sistema ordinistico italiano, una sconfitta bella e buona.

Poche soddisfazioni anche per chi, più chirurgicamente, si sarebbe accontentato di veder sparire l’esame di Stato per i soli dottori commercialisti ed esperti contabili, come prevedeva il testo, alternativo a quello poi inserito in manovra, veicolato in CdM, a quanto pare, dal Ministero dell’Economia.

Masticano amaro, però, anche le componenti più retrive del mondo delle libere professioni, quali oggettivaente sono, ad esempio, alcuni settori dell’avvocatura, perché di liberalizzazioni vere ce ne sono, a cominciare da quella sulla piena derogabilità dei minimi tariffari.

Mentre notai e farmacisti, gli unici per i quali il principio che vieta restrizioni numeriche e geografiche può avere un significato concreto, possono tutto sommato ritenersi soddisfatti dall’espressa previsione della derogabilità del medesimo laddove sussistano ragioni di interesse pubblico.

I veri vincitori di questa delicatissima partita sembrerebbero, una volta tanto, i commercialisti.

 

La linea seguita dal Consiglio nazionale ha pagato

La linea di difesa “senza se e senza ma” del sistema ordinistico e di ciò che è il suo fondamento, l’esame di Stato, abbinata a una disponibilità molto ampia e senza preclusioni a discutere di liberalizzazioni mirate su specifici punti dei singoli ordinamenti professionali, presentava innegabili rischi: da un lato, verso l’esterno, rischiava di accomunare i commercialisti agli Ordini più conservatori; dall’altro, verso l’interno, rischiava di isolare i commercialisti dal resto di un mondo ordinistico assai meno disponibile a cedere anche su singoli punti.
Alla fine, però, questa linea del Consiglio nazionale della categoria ha pagato e ripagato: il sistema ordinistico non è in discussione, non lo sono nemmeno singole professioni e, last but not least, gran parte delle novità che dovranno essere recepite dagli ordinamenti tali non sono per i commercialisti (l’obbligo di formazione continua, la derogabilità dei minimi tariffari e la libertà di pubblicità); oppure, pur essendo tali, rispondono ad espresse sollecitazioni che da tempo muoveva la categoria stessa (obbligo di assicurazione professionale).

Non mancano i motivi di soddisfazione anche per i giovani: quella del riconoscimento espresso del diritto al compenso per i tirocinanti è una battaglia storica dell’Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili che trova in questo decreto il proprio coronamento.
Un discorso a parte va fatto per la previsione della netta separazione che dovrà esservi negli ordinamenti professionali, tra Consigli locali e nazionali degli Ordini così come oggi li conosciamo e futuri appositi organismi locali e nazionali per l’amministrazione dei profili disciplinari, con tanto di espressa incompatibilità tra la carica di componente dei primi e dei secondi.
L’obiettivo del legislatore pare quello di scindere un ruolo, che viene evidentemente visto con forti implicazioni di rappresentanza, da quello di gestione della disciplina sui propri rappresentati.

Così a caldo, è difficile dire se questa scelta produrrà concreti effetti positivi sulla gestione della disciplina da parte dei nuovi organismi dedicati, ma è invece sin troppo facile prevedere che accentuerà ulteriormente la vocazione di rappresentanza sostanzialmente sindacale degli iscritti da parte dei consigli “de-disciplinarizzati”.

Per valutare se ciò possa rappresentare per le libere professioni un’opportunità, oppure un rischio, sarà il caso di fare un’adeguata riflessione al riguardo da parte di tutti gli addetti ai lavori.
Intanto, da liberi professionisti e ancor più da commercialisti, festeggiamo per un attimo, senza eccessi e trionfalismi, quello che è oggettivamente un risultato positivo, tanto più perché raggiunto nell’ambito di una manovra che, da padri e cittadini, può vederci soltanto sconcertati ed arrabbiati.

Fonte: Enrico Zanetti Eutekne
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: