Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 09:01 - 19/1/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che in apparenza è un problema di oggi , e cioè di questi sacchi rossi che identificano l"APPESTATO" non è cosa nuova . Nei Promessi Sposi , la vedova con figli si raccomando' a Renzo perché .....
BASKET

Oltre ai due punti conquistati, c'è grande soddisfazione in casa Nico Basket per l'esordio della giovanissima Giada Modini, che ha pure realizzato due tiri liberi con la freddezza di un'adulta. Nota negativa invece l'infortunio alla caviglia di Sofia Frustaci, che ci auguriamo non sia grave.

CALCIO

Un pareggio per 1-1 amaro come il fiele, quello rimediato dalla Pistoiese nel confronto casalingo con la Giana Erminio. Ed un'involuzione di gioco che, alla fin fine, appare il dato più sconfortante di un match che rappresenta il punto più basso fra le prestazioni degli arancioni in questo campionato.

CALCIO

La Cf Pistoiese 2016 ha ricevuto il rifiuto da parte della Torres di rinviare la partita di recupero prevista per domenica prossima a Sassari, nonostante avesse offerto agli isolani libertà di scegliere una data anche infrasettimanale.

BASKET

Gli zero punti in classifica di Virtus Cagliari non devono assolutamente trarre in inganno.

CALCIO

La Us Pistoiese 1921 ha il piacere di comunicare che stamattina è stato suggellato l’accordo di sponsorizzazione tra la Pistoiese e la Fabo Spa, leader internazionale della produzione di nastri adesivi, che diventa uno dei principali sponsor del club.

RALLY

Si prospetta un 2021 di grandi manovre e certamente in grado di produrre soddisfazioni per Pavel Group.

BASKET

L’indisponibilità di Botteghi, contrattura per lei, a poche ore dal match, aveva messo in allarme la Nico, anche perché le spezzine sono avversarie di assoluto valore, ma la squadra ha saputo reagire all’ennesima difficoltà e conquistare altri due punti.

CALCIO

Lo stop ai campionati dilettantistici non ha spento l'ardore agonistico degli atleti costretti all'inattività. Ne è la prova Giulio Cipriani, esterno di belle speranze approdato al Montecatini la scorsa estate grazie anche al fiuto del direttore generale Fabrizio Giovannini.

none_o

Esce a gennaio Anima liquida, terzo capitolo del progetto Breaking Book.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di viale Verdi a Montecatini è dedicata a un libro di Alessandro Barbero.

Una cosa è successa,
come esser fuor di testa,
in un paese .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il Sovrano Militare Ordine di Malta rende omaggio all'arte moderna.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
L'ANGOLO DI ALESSIA
di Alessia Iacopini
Da Miss Italia alla prostituzione, tra nuovi e vecchi problemi

1/8/2011 - 16:51

In quest’ultimo periodo si susseguono le notizie su Miss Italia a Montecatini, connubio suggellato da uno spot mandato in onda dalla Rai – che, sebbene non sia stato ancora firmato un contratto definitivo, può ben valere come manifestazione esplicita ed univoca della volontà di realizzare l’evento nella città termale.
Giustamente, è stato detto che si tratta di un’ottima occasione per rilanciare il nome della nostra città e, a mio parere, anche per mettere alla prova la capacità dei vari soggetti privati e pubblici di collaborare per una migliore organizzazione della manifestazione.
Tra i vari “Palaterme sì” e “Palaterme no”, annunci di sopralluoghi e di conferenze stampa, un pensiero come un tarlo si insinua a proposito di questa vicenda.
Saranno sufficienti i fiori, le belle e giovani ragazze con i fotografi al seguito, le location accuratamente predisposte, Fabrizio Frizzi, i cameraman e tutta l’enorme macchina organizzativa a cancellare l’orribile immagine di Montecatini come capitale della prostituzione?
Forse l’immagine patinata che raggiungerà l’Italia intera attraverso il piccolo schermo potrà essere opportunamente cesellata e decorata, depurata da quel lato oscuro che purtroppo noi cittadini ben conosciamo.
Ma la realtà, quella che viviamo adesso e che vivremo quando l’allegro e festoso carrozzone avrà lasciato la città e le luci torneranno a spegnersi, questa realtà ha bisogno di ben altro per cambiare.
Né possiamo augurarci che un gigantesco spot, per quanto efficace, possa dare al turismo quell’impulso di cui necessiterebbe, se quando i turisti girano per le strade trovano degrado e prostituzione a due passi dal centro. E non è neppure giusto parlare soltanto dei turisti, perché ciò che più dovrebbe muovere il nostro animo è l’amore per la nostra città, e l’orgoglio di vivere in un posto che non sia noto soprattutto per il suo divertimento notturno.
La prostituzione è un problema sociale complesso e difficile è trovare una soluzione, anche perché la semplice repressione è del tutto insufficiente a debellare questa piaga.
Forse sarebbe opportuno organizzare una strategia ad ampio spettro, che si preoccupi di sollecitare il Parlamento per gli interventi legislativi ma soprattutto che si muova nel territorio per arrivare alla radice dei problemi e tentare di trovare delle soluzioni.
Lungi da me una sterile polemica sull’organizzazione dell’evento di Miss Italia, che anzi ritengo sia un’ottima opportunità, la mia intenzione è semplicemente quella di sollevare una riflessione più ampia, affinchè il rilancio di Montecatini non sia solo un’operazione di marketing e restyling, ma affondi le radici in un reale e profondo cambiamento.
Ma il problema non è soltanto quello di togliere le prostitute dalle strade o di controllare i night; il punto è che tra l’ordinaria prostituzione e la straordinaria presenza di un evento come Miss Italia, incentrato com’è sulla bellezza femminile, la figura della donna rischia di ridursi a un corpo.
Un corpo da (s)vendere, sfruttare, mostrare, ammirare, premiare: ma niente più di un meraviglioso ed effimero corpo.
Quali (e quanti) modelli offre la nostra città a delle giovanissime ragazze che, nella criticissima adolescenza, vivono il rapporto conflittuale con il proprio corpo e la propria femminilità?

Bisognerebbe spiegare loro che "oltre le gambe c'è di più", ma è difficile quando questa semplice affermazione sembra sconfessata da una così massiccia attenzione rivolta al "corpo" della donna.
Non vorrei banalmente demonizzare l’utilizzo della bellezza, ma contestare la "pornograficizzazione" della cultura e del divertimento che come una febbre tropicale sembra aver contagiato il nostro Paese, e che offre alle donne l’alternativa tra una carriera in salita e disseminata di ostacoli o una facile ascesa alla ricchezza e al potere grazie alla propria bellezza.
L’augurio sincero è che il futuro della nostra città e della nostra Italia sia un florido sviluppo sociale, culturale, turistico ed economico che si fondi, però, su risorse diverse dallo sfruttamento del corpo femminile, valorizzando piuttosto gli ottimi esempi positivi delle donne che rendono grande il nostro Paese.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: