Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 03:01 - 20/1/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Presidente in quota Forza Italia.

Per capire il personaggio ed il suo rapporto col caimano , si trova abbondante materiale e penso anche dagli atti parlamentari , l appoggio alla tesi della nipote .....
HOCKEY

Finalmente arancione anche in campo femminile assoluto, dopo oltre un decennio una formazione di Pistoia torna alle competizioni e con buone prospettive future.

SCHERMA

Davide Cutillo ha staccato il biglietto per la finale dei campionati italiani under 17 di fioretto che si disputeranno nel prossimo mese di maggio a Catania.

BASKET

Tredicesima vittoria consecutiva per la Gema Montecatini, che dopo un mese di stop in campionato (causa pausa natalizia e poi le prime due giornate rimandate dal covid) ha dimostrato di non avere affatto ruggine o scorie addosso.

SCHERMA

Prima grande soddisfazione nel circuito europeo under 17 per Fabio Mastromarino. 

SCHERMA

Un azzurro per due.

BASKET

Ventinove giorni dopo l'ultima volta, Gema Montecatini è pronta a tornare in campo per una partita ufficiale. Il 17 dicembre, giorno della dodicesima vittoria consecutiva a Prato, sembra però ormai lontanissimo.

BASKET

Riceviamo da parte di Mtvb Herons e pubblichiamo.

HOCKEY

Se non è un evento poco ci manca, finalmente dopo oltre un decennio di assenza Pistoia ripresenterà una formazione senior femminile nei massimi campionati italiani.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

none_o

Inaugurazione il 19 gennaio alle 18,30, nei locali della Federazione provinciale di Rifondazione Comunista di Pistoia.

La signora in blu
Viaggio nel profumo delle .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno di Terra, Cardinale, domiciliato in Saturno ed esaltato in Marte.

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

L'oroscopo di gennaio

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
L'ANGOLO DI ALESSIA
di Alessia Iacopini
Da Miss Italia alla prostituzione, tra nuovi e vecchi problemi

1/8/2011 - 16:51

In quest’ultimo periodo si susseguono le notizie su Miss Italia a Montecatini, connubio suggellato da uno spot mandato in onda dalla Rai – che, sebbene non sia stato ancora firmato un contratto definitivo, può ben valere come manifestazione esplicita ed univoca della volontà di realizzare l’evento nella città termale.
Giustamente, è stato detto che si tratta di un’ottima occasione per rilanciare il nome della nostra città e, a mio parere, anche per mettere alla prova la capacità dei vari soggetti privati e pubblici di collaborare per una migliore organizzazione della manifestazione.
Tra i vari “Palaterme sì” e “Palaterme no”, annunci di sopralluoghi e di conferenze stampa, un pensiero come un tarlo si insinua a proposito di questa vicenda.
Saranno sufficienti i fiori, le belle e giovani ragazze con i fotografi al seguito, le location accuratamente predisposte, Fabrizio Frizzi, i cameraman e tutta l’enorme macchina organizzativa a cancellare l’orribile immagine di Montecatini come capitale della prostituzione?
Forse l’immagine patinata che raggiungerà l’Italia intera attraverso il piccolo schermo potrà essere opportunamente cesellata e decorata, depurata da quel lato oscuro che purtroppo noi cittadini ben conosciamo.
Ma la realtà, quella che viviamo adesso e che vivremo quando l’allegro e festoso carrozzone avrà lasciato la città e le luci torneranno a spegnersi, questa realtà ha bisogno di ben altro per cambiare.
Né possiamo augurarci che un gigantesco spot, per quanto efficace, possa dare al turismo quell’impulso di cui necessiterebbe, se quando i turisti girano per le strade trovano degrado e prostituzione a due passi dal centro. E non è neppure giusto parlare soltanto dei turisti, perché ciò che più dovrebbe muovere il nostro animo è l’amore per la nostra città, e l’orgoglio di vivere in un posto che non sia noto soprattutto per il suo divertimento notturno.
La prostituzione è un problema sociale complesso e difficile è trovare una soluzione, anche perché la semplice repressione è del tutto insufficiente a debellare questa piaga.
Forse sarebbe opportuno organizzare una strategia ad ampio spettro, che si preoccupi di sollecitare il Parlamento per gli interventi legislativi ma soprattutto che si muova nel territorio per arrivare alla radice dei problemi e tentare di trovare delle soluzioni.
Lungi da me una sterile polemica sull’organizzazione dell’evento di Miss Italia, che anzi ritengo sia un’ottima opportunità, la mia intenzione è semplicemente quella di sollevare una riflessione più ampia, affinchè il rilancio di Montecatini non sia solo un’operazione di marketing e restyling, ma affondi le radici in un reale e profondo cambiamento.
Ma il problema non è soltanto quello di togliere le prostitute dalle strade o di controllare i night; il punto è che tra l’ordinaria prostituzione e la straordinaria presenza di un evento come Miss Italia, incentrato com’è sulla bellezza femminile, la figura della donna rischia di ridursi a un corpo.
Un corpo da (s)vendere, sfruttare, mostrare, ammirare, premiare: ma niente più di un meraviglioso ed effimero corpo.
Quali (e quanti) modelli offre la nostra città a delle giovanissime ragazze che, nella criticissima adolescenza, vivono il rapporto conflittuale con il proprio corpo e la propria femminilità?

Bisognerebbe spiegare loro che "oltre le gambe c'è di più", ma è difficile quando questa semplice affermazione sembra sconfessata da una così massiccia attenzione rivolta al "corpo" della donna.
Non vorrei banalmente demonizzare l’utilizzo della bellezza, ma contestare la "pornograficizzazione" della cultura e del divertimento che come una febbre tropicale sembra aver contagiato il nostro Paese, e che offre alle donne l’alternativa tra una carriera in salita e disseminata di ostacoli o una facile ascesa alla ricchezza e al potere grazie alla propria bellezza.
L’augurio sincero è che il futuro della nostra città e della nostra Italia sia un florido sviluppo sociale, culturale, turistico ed economico che si fondi, però, su risorse diverse dallo sfruttamento del corpo femminile, valorizzando piuttosto gli ottimi esempi positivi delle donne che rendono grande il nostro Paese.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: