Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 23:06 - 06/6/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Il purista Roberto si scandalizza per l'uso sconsiderato della parola c. . . o.
Salvo dizionari datati in cui se ne lamenta un uso volgare sia nel definire l'organo riproduttore maschile , sia nell'uso .....
IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme convegno di trotto del giovedì pomeriggio con sette corse in programma valide per la seconda uscita stagionale.

CALCIO

La società Larcianese comunica di aver raggiunto l’accordo con il l’allenatore che guiderà la squadra nella prossima stagione sportiva.

RALLY

Motori accesi al 1° Virtual Rally Valdinievole e Montalbano. Dal 1° giugno e per tutta la settimana, le strade della provincia di Pistoia saranno proiettate in un confronto che ha richiamato un plateau di partecipanti di assoluto livello. 

BASKET

La prima novità in casa Nico è la collaborazione con l’Associazione “Anna Maria Marino”, avvenuta già a fine della scorsa stagione grazie alla Dottoressa Jacqueline Magi che ne è Presidente Onorario. 

RALLY

Sull’onda dell’entusiasmo riscontrato dal primo approccio “virtuale” di molte delle realtà motoristiche più importanti a livello nazionale, le scuderie Jolly Racing Team e Art Motorsport 2.0 hanno deciso di organizzare il 1° Virtual Rally della Valdinievole e del Montalbano.

BASKET

Scegli il rossoblu di sempre. Quanto sei attaccato ai colori rossoblu? Chi è il giocatore che ti ha fatto sognare? È arrivato il momento di eleggere il giocatore rossoblu italiano di sempre.

CICLISMO

Dieci candeline, oltre 30 000 euro donati in beneficenza e tante soddisfazioni e emozioni. Parliamo dell’Avis Bike Pistoia, società ciclistica amatoriale e organizzatrice della Gran Fondo Edita Pucinskaite.

RALLY

Jolly Racing Team e Laserprom 015 annunciano che il 36° Rally della Valdinievole, anticipato al 2 e 3 maggio dalla data di origine di una settimana dopo nel calendario sportivo, viene rinviato a data da destinarsi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Piere Lemaitre.

none_o

La recensione della settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Matteo Bussola.

Oggi il popolo decide
col suffragio universale
quale sia la .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il valore filatelico sarà presentato il 24 maggio.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Tutto ebbe inizio il 10 aprile 1912 con la partenza del Titanic dal porto di Southampton.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
LA STORIA
di Giovanni Torre
La via Francigena in Valdinievole

14/6/2011 - 10:07

Nel medioevo la via Francigena o Romea era la strada che il pellegrino, molto religioso, percorreva verso le città sante della Cristianità, Roma e Gerusalemme.

A Roma potevano pregare sulle tombe dei Santi Pietro e Paolo proseguendo per i porti pugliesi ed imbarcarsi verso la Terrasanta.

A Nord, dopo le Alpi, la Francigena si raccordava con la Tolosana che conduceva a Santiago di Compostela, in Galizia, dove il richiamo delle reliquie di San Giacomo Maggiore era molto forte.

Proprio su questa rotta, il pellegrino transitava da Altopascio e qui veniva rifocillato e curato dai cavalieri del Tau, parola che a tutt’oggi è ancora misteriosa ma, probabilmente ,si riferiva alla lettera T come simbolo della croce di Gesù oppure all’appoggio del bastone dei pellegrini sotto l’ascella. Questo ordine era stato voluto dall’allora potente e religiosa contessa Matilde di Canossa.

La storia di quei tempi parla anche della campana,detta “la smarrita”, che suonava sull’alto campanile, al tramonto, per un'ora, questo per orientare eventuali pellegrini che si fossero persi in queste zone paludose.

Il castello ospedale era ben fortificato ed era il giusto rifugio per questi viandanti che sarebbero ripartiti alla mattina seguente, attraversando selve e zone paludose con incontri sgraditi con ladri e banditi che li avrebbero depredati sia degli  animali che dei denari.

Se la loro meta era Roma, la strada da fare era in direzione di Galleno, Le Cerbaie, Fucecchio, quindi verso  S.Gimignano, Viterbo, Roma, il tutto a piedi o, per i più fortunati, a dorso d’asino o cavallo su viottoli attraverso la campagna. Coloro che invece erano diretti a Santiago di Compostela in Spagna, si dirigevano verso Badia Pozzeveri, Lucca, Luni, poi verso la Francia.

Come detto la devozione per San Jacopo (italianizzato Giacomo) apostolo di Gesù, era molto sentita ed infatti questo santo è tuttora il patrono sia di Pistoia che di Altopascio, dove si conservano le importanti reliquie.

Oggi, con lo spirito della riscoperta culturale, l’itinerario della via Francigena rivive una nuova vita. Infatti molti giovani e non si cimentano negli stessi  percorsi dei pellegrini d’allora: magari hanno degli  stimoli  diversi, un po’ meno religiosi, comunque dettati dal fatto che fare sport camminando fa bene alla salute dei grandi e dei piccini.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: