Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 20:11 - 23/11/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Io a queste considerazioni metafisiche sulla condotta umana degli eletti , ci ho sempre creduto poco .

Se la Costituzione prevede che il rappresentante eletto rappresenti l'elettore pur non essendone .....
CALCIO

Una cosa ci teniamo a dirla: noi di Valdinievole Oggi non siamo osservatori imparziali. Siamo sportivi, ci mancherebbe altro. Ma siamo tifosi della Pistoiese e soffriamo tantissimo quando vediamo la nostra squadra arrancare in questo modo.

RALLY

Si è conclusa sull’ultima pedana d’arrivo del Campionato Italiano Rally la stagione sportiva di Simone Baroncelli e Donato Bartilucci, portacolori della scuderia Jolly Racing Team impegnati sulle strade dell’ultimo appuntamento del Tricolore 2020.

CALCIO

I campionati non si vincono né si perdono a novembre. Ma per la Pistoiese non è più tempo di lasciare punti preziosi agli avversari. Come, purtroppo, è accaduto nella scorsa gara di campionato con l' Olbia che, con tutto il rispetto per la formazione sarda, non è certo un fulmine di guerra.

RALLY

Novantadue chilometri di prove speciali, le più attese della stagione, quelle che incoroneranno i campioni nazionali.

RALLY

Ha confermato il ruolo di assoluta protagonista, la scuderia Jolly Racing Team. Il sodalizio di Larciano si è infatti congedato dall’asfalto del Rally di Pomarance con il primato conquistato nel confronto tra le scuderie partecipanti.

SPORT

Autodemolizioni Dolfi, azienda leader del settore di demolizione e smaltimento dei veicoli a motore, entra nel calcio maschile e nella pallavolo femminile, supportando Sporting Casini e Progetto Volley Bottegone.

BASKET

Durante la settimana sono state riscontrate alcune positività al Covid-19. Pertanto la gara interna contro il Jolly Livorno, che si sarebbe dovuta disputare sabato 14 novembre, è stata rinviata a data da destinarsi.

BASKET

Sono stati presentati ufficialmente ai media altri due tasselli del roster della Giorgio Tesi Group Pistoia, ovvero il lungo Dario Zucca e il capitano Gianluca Della Rosa.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valerio Massimo Manfredi.

none_o

Il libro «Videomodeling e autismo. Descrizione di un intervento educativo», è stato pubblicato da Erickson Live.

Mentre stavo passeggiando
ero immerso nei pensieri,
molte .....
FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Dal 10 novembre è possibile acquistare il francobollo.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Nato a Vienna nel 1747 è stato Granduca di Toscana dal 1765 al 1790.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
VALDINIEVOLE
I progetti per salvare il padule e la funzione del tubone

22/5/2011 - 14:49

VALDINIEVOLE
La valorizzazione e lo sviluppo del Padule partono dalla sua tutela. Questo il messaggio scaturito dal convegno promosso dal Consorzio del Padule di Fucecchio, in collaborazione con la Provincia e l’Aato 2, che si è tenuto alla fattoria Settepassi con la presenza dell’assessore regionale all’ambiente Anna Rita Bramerini e una massiccia partecipazione di pubblico, tra cui  sindaci e assessori del comprensorio. Due i temi principali trattati durante i lavori: la situazione del progetto per la riorganizzazione della depurazione che prevede la realizzazione di un nuovo depuratore e del cosidetto “tubone” e dall’altro lato gli interventi per la rinaturalizzazione del Padule.
“Si tratta - ha spiegato il commissario del Consorzio Gino Biondi - di un progetto importante non solo dal punto di vista economico, visto che sono previste opere per 5 milioni, ma perchè andranno ad incidere sul futuro dell’area. Per capirne l’importanza credo si possa dire che è il progetto più impegnativo dal tempo del Granduca Leopoldo. Naturalmente non possiamo che essere soddisfatti per il fatto che la Regione ha individuato nel nostro ente l’interlocutore per la realizzazione di questo progetto. E’ una sfida che affrontiamo con la giusta consapevolezza di dare al Padule, un’area amata da tanti, salvaguardia e sviluppo”.
 Dall’altra lato l’assessore Anna Rita Bramerini non ha nascosto di essere di fronte ad una “vera e propria corsa contro il tempo” per le opere previste nel sistema di depurazione. “Entro il 2015 il progetto deve essere realizzato - ha detto l’assessore - per non incorrere nelle sanzioni previste dalla comunità europea con i nuovi parametri sulle acque reflue. E’ lodevole il lavoro che è stato portato avanti partendo dalla base per accogliere le esigenze di tutti, ma adesso è venuto il momento di operare. Vogliamo dimostrare che in Toscana le cose le facciamo bene e al meglio per la bellezza del nostro territorio. Legare il comprensorio del Cuoio e quello della Valdinievole è un passo avanti per la salvaguardia del territorio”.
Il direttore generale dell’Aato2 Alessandro Mazzei ha tirato le somme della situazione attuale: “Il progetto iniziale risale al 2004 e valeva 161milioni di euro. Oggi i costi sono saliti ulteriormente e mancano almeno 40 milioni. Si comincerà con la Valdinievole che è la zona più sofferente dal punto di vista della depurazione. Se non si trovano nuove risorse il progetto non potrà essere realizzato nelle zone della Valdera e dell’Empolese”. Dal punto di vista tecnico il prossimo passaggio sarà, entro la fine del 2011, l’approvazione del preliminare dei collettori per il nuovo depuratore di Ponte Buggianese.
Nel suo intervento il sindaco di Ponte Buggianese Pier Luigi Galligani ha ricordato “il percorso partecipativo “Il Padule che vorremmo”, che ha portato all’individuazione dell’area dove verrà realizzato il depuratore. L’amministrazione comunale - ha detto il primo cittadino - ha voluto percorrere questo sentiero così difficile, ma interessante. E’ stato un confronto aperto e civile, un motivo di orgoglio per questa amminsitrazione”.
 La presidente della Provincia Federica Fratoni ha sottolineato l’importanza in chiave turistica dei progetti per la Dogana di Ponte Buggianese e il Centro visite di Larciano. A questo proposito Renato Ferretti, dirigente della Provincia, ha parlato di alcuni progetti in chiave turistica come la realizzazione di una rete escursionistica ciclopedonale e una navigabile. Il direttore generale del Consorzio Franco Fambrini ha illustrato le misure che verranno prese per la tutela del Padule. Essenzialmente saranno tre, la realizzazione di sottobacini per la gestione delle immissioni del depuratore, la realizzazione di un invaso per l’approvvigionamento idrico della Paduletta di Ramone e la rettifica della foce del torrente Pescia di Collodi.
“Nei mesi invernali - ha spiegato Fambrini - il depuratore scaricherà direttamente nel fiume Pescia, mentre da giugno a settembre attraverso una tubazione le acque depurate, circa un milione e 200mila metri cubi, verranno confluite nell’area del “Coccio”, per garantire un deflusso minimo vitale al Padule. Nella zona nord dell’area in questione sarà realizzato un invaso arginato per raccogliere l’acqua in arrivo dal depuratore e che poi sarà distribuita nelle aree Righetti e La Monaca e in parte immessa nel fosso della Croce e da qui raggiungerà il fosso del Canaletto.
 La distribuzione dell’acqua all’interno dei vari terreni avverrà attraverso un sistema di calle, sifoni e traverse. Per garantire una gestione differenziata da zona a zona l’area sarà suddivisa in sottobacini, indipendente l’uno dall’altro, mediante lo scavo di canali e la creazione di arginature. Inoltre si prevede la realizzazione di un invaso a Castelmartini per una capacità di quasi centomila metri cubi che avrà un duplice scopo: alimentare la Paduletta di Ramone nel periodo estivo e funzionare da riserva antincendio. Infine ci sarà la rettifica dello sbocco del Pescia di Collodi per una migliore immissione delle acque nel canale del Capannone”.

Nel corso del convegno c’è stata anche la consegna dell’annuale premio “Gli amici della bonifica” da parte del Consorzio all’assessore regionale Anna Rita Bramerini e alla presidente della Provincia Federica Fratoni. La stessa Fratoni poi ha firmato un’intesa con la federazione italiana amici della bicicletta, rappresentata da Pier Angelo Mazzei per un progetto sulla ciclo utizzabilità del Padule
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




27/7/2020 - 11:06

AUTORE:
Uno qualunque

... ma della discarica, ..., tutto bene?

27/7/2020 - 10:30

AUTORE:
Roberto

Entro il 2015 il progetto deve essere realizzato.
Così dicevano .... nel 2011 !
Avrei una proposta: agli amministratori poubblici, di ogni ordine e grado, darei lo stipendio sulla base dei piani realizzati ! Chissà se la Bramerini, la Fratoni, il Biondi e kompagnia associata saprebbero digiunare per un lustro. Per ora !

11/2/2012 - 0:25

AUTORE:
Andrea

Bravissimi i nostri amici di legambiente e company.. Io mi chiedo come è possibile che in una delle oasi piu importanti di italia come il padule di fucecchio ci venga fatto un megadepuratore.. mi meraviglio con quelle persone che dicono che la caccia rovina il padule, però adesso il depuratore fa bene... anzi è di fondamentale IMPORTANZA per la vita del padule!!! Sono forse più importanti i contributi che ha stanziato la regione toscana...
Aprite gli occhi gente, .....!!