Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 02:01 - 28/1/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che in apparenza è un problema di oggi , e cioè di questi sacchi rossi che identificano l"APPESTATO" non è cosa nuova . Nei Promessi Sposi , la vedova con figli si raccomando' a Renzo perché .....
CICLISMO

Al via le iscrizioni per la 11° Granfondo Edita Pucinskaite. Gli organizzatori annunciano l’apertura delle iscrizioni per la 11 edizione in programma il prossimo 20 giugno a Pistoia.

BASKET

Una giornata di riposo dopo la vittoria contro San Giovanni Valdarno e la Nico Basket si è già rimessa a lavoro per preparare la sfida casalinga contro Firenze. Si tratta dell’ultimo recupero delle gare rinviate prima delle festività e di fatto chiuderà il girone d’andata di Nerini e compagne.

BASKET

La Giorgio Tesi Group Pistoia ingrana la sesta marcia, battendo la Lux Chieti con il punteggio di 86-74 e chiudendo nel migliore dei modi il trittico del PalaTerme.

BASKET

Col risultato finale di 82-61, tra l’altro la Nico Basket ha ribaltato la differenza canestri (all’andata era stata sconfitta di tredici lunghezze), che potrebbe essere utile per un posto migliore nei playoff in caso di arrivo alla pari in classifica.  

CALCIO

Dopo mesi e mesi trascorsi nella vana speranza che qualcosa si muova all'orizzonte, le Società iscritte ai campionati regionali di Eccellenza hanno deciso di passare all' azione. Per questo abbiamo sentito uno dei più apprezzati e stimati dirigenti sportivi della Toscana, il Direttore Generale del Montecatini Fabrizio Giovannini.

CALCIO FEMMINILE

Colpo della Pistoiese! Ecco il centrale ErriquezEleonora Erriquez, nata il 31/01/2001 arriva in arancione in prestito dall'AudaxRufina.

BASKET

Prestazione da incorniciare per la Giorgio Tesi Group Pistoia, che infligge la prima sconfitta stagionale alla capolista Forlì dopo un secondo tempo da urlo.

BASKET

Un’altra puntata del derby tra la Giorgio Tesi Group Nico Basket e la Bruschi Basket Galli San Giovanni Valdarno è previsto per sabato 23 gennaio, al Pala Pertini di Ponte Buggianese. Palla a due alle ore 21.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadoiri di Montecatini è dedicata a un libro di Toshikazu Kawaguchi.

none_o

La galleria Me Vannucci è lieta di partecipare ad Artefiera Playlist.

Valle squisita,
Valle incantata,
Valle laterale al bacino .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il Sovrano Militare Ordine di Malta rende omaggio all'arte moderna.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
Com'è cambiata la comunità in un secolo e mezzo
Uzzano, 150 anni

2/4/2011 - 12:20


Lo scorso 19 marzo, l’Amministrazione comunale di Uzzano ha voluto commemorare il 150° dell’Unità d’Italia con una seduta straordinaria del consiglio comunale, aperta ai ragazzi delle scuole, durante la quale si è inteso celebrare la classe dirigente uzzanese dal 1861 a oggi. Lo storico Cesare Bocci dell’Associazione "Gente di Valdinievole" ha tenuto una relazione sul tema e, di seguito, è stata inaugurata una targa, realizzata dall’artigiano concittadino Paolo Davini in collaborazione con la maestra Silvia Pagni, nella quale sono riportati i nomi dei sindaci e commissari prefettizi che si sono avvicendati alla guida del Comune. L’Amministrazione comunale ha poi voluto assegnare un attestato di benemerenza agli ex sindaci tuttora viventi e ai congiunti di coloro che non ci sono più, oltre che un riconoscimento alle associazioni di volontariato assistenziale, culturale, religioso presenti sul territorio.                                                                                                                                                                                 Uzzano è molto cambiato in centocinquant’anni. Un secolo e mezzo fa, era una comunità di circa 5000 abitanti, che si estendeva dall’altura dei Pianacci sino alle propaggini del Padule di Fucecchio, confinando a nord/ovest con Pescia, ad nord/est con Buggiano, a sud/est con Fucecchio, a sud/ovest con Montecarlo. La sede comunale era “fuori del Comune” dal 1773, a Pescia, presso il Palazzo Magnani al ponte del Duomo; nel 1890 circa, il municipio sarà trasferito a Palazzo Matteucci, a lato della Cattedrale, ove rimarrà sino al 1980, quando finalmente sarà riportato nel territorio uzzanese, a S. Lucia.

L’economia uzzanese era prevalentemente agricola, a vocazione olivicola, ortiva e viticola, il viaggiatore che si fosse trovato a percorrere la “Via Regia che da Pescia va a Pistoia” (odierna S.R. 435 “Lucchese”) si sarebbe imbattuto in una lunga sequela di poderi, appartenenti alle famiglie Di Grazia, Anzilotti, Gambarini, Fratini, Nucci, Bonazzi, nelle cui vicinanze sorgevano sovente stupende ville di campagna di proprietà delle medesime; tuttavia, non mancavano le prime industrie, nel settore cartario e laterizio, come le Cartiere Bonazzi e Livini al Botteghino (odierna frazione di Sant’Allucio), e laterizio, come la piccola Fornace Anzilotti al Botteghino,  le Fornaci Anzilotti e Cacini in località “Fornaci di Santa Lucia”, la Fornace “Pantanaio” al Molinaccio e di “Colle Mitoli” a Santa Lucia. Anni dopo, sarebbe sorto lo “Stabilimento bacologico Egisto Giusti” per la lavorazione del baco da seta, al Molinaccio; nel corso del ‘900, sorgeranno le Fornaci Cecchi, alle “Fornaci”, Pucci e Rossi a Santa Lucia.

 La classe dirigente non poteva che essere espressione di un tale assetto economico/sociale e, infatti, le prime amministrazioni erano composte in prevalenza da nobili e borghesi facoltosi. Sarà con l’allargamento del suffragio negli ’10 e, poi, con la nascita, pure sul territorio uzzanese, dei partiti politici “di massa”, cattolico e socialista, che sindaci, assessori e consiglieri cominceranno ad appartenere alla piccola borghesia e, dal secondo dopoguerra, al popolo.

 

 L’evento più traumatico degli ultimi centocinquant’anni a Uzzano è stato senza dubbio la separazione della frazione di Chiesina Uzzanese, nel 1963, che si costituì in comune autonomo. Oggi, Uzzano è un comune di quasi 6000 abitanti, con un territorio che dai Pianacci giunge sino al Forone, al confine con Chiesina Uzzanese. Ha vocazione prettamente residenziale, per quanto siano presenti sul territorio alcune importanti attività industriali e artigianali, un tessuto commerciale sano e ben organizzato, aziende florovivaistiche tenaci, nonostante la crisi pesante del settore e del mercato dei fiori di Pescia, cui i floricoltori uzzanesi fanno riferimento. La popolazione è concentrata prevalentemente nelle frazioni di Sant’Allucio, Santa Lucia e Forone, sebbene negli ultimi dieci/quindici anni si sia assistito a un ripopolamento del centro storico di Uzzano Castello della collina in genere, dove sono sorte attività agricole nel settore oleario “di qualità” e agriturismi. La scommessa di chi amministra il territorio di Uzzano, in verità con sempre minori risorse a disposizioni, è quella di forgiare una nuova generazione di cittadini che si sentano orgogliosi di far parte della loro comunità, consapevoli delle proprie radici e, quindi, aperti al nuovo e al diverso, in una società in continua trasformazione, nella quale i punti di riferimento tradizionali stanno venendo meno e vi è la necessità di aprire la mente e i cuori. 

Fonte: Alessandro Riccomi
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: