Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 19:10 - 20/10/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Siamo alla curva che procede con valori esponenziali .

L'economia annaspa , i lavoratori protetti dal divieto di licenziamento che sta per finire , il commercio in bambola e gli ospedali in ambasce .....
HOCKEY

L’Hockey Pistoia impone ancora la legge dell’Hockey Stadium di Montagnana, nel quale fino a ora gli arancioni non sono mai stati sconfitti, subissando di reti il Campagnano.

BASKET

Una sconfitta maturata nell’ultimo quarto quella della Nico Basket Femminile, targata Giorgio Tesi Group, a San Giovanni Valdarno (74-61), dopo tre quarti di grande equilibrio.

TIRO A SEGNO

Il Tsn Pescia sempre presente ai campus indetti sia dal Cip che da Aics ha voluto partecipare con i propri atleti ai rispettivi stage di avviamento e di perfezionamento al tiro paralimpico.

BASKET

Dopo tre quarti in perfetto equilibrio (21-20, 34-35 e 51-51 i parziali), la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, cede nell'ultima frazione di gioco ad una combattiva San Giovanni Valdarno, che allunga nel finale e si aggiudica meritatamente due punti importanti (74-61).

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare il rinnovo della partnership commerciale con OriOra.

BASKET

Il percorso della Nico Basket Femminile, di recente affiliata con Giorgio Tesi Group Pistoia, e del Bruschi Basket Galli San Giovanni Valdarno è stato piuttosto simile, fino a questo momento

HOCKEY

L’Hockey Pistoia viaggia a gonfie vele nelle competizioni nazionali che impegnano le sue varieformazioni: vittoria esterna della prima squadra nelle Marche ed esordio ottimo degli under 14 nel campionato nazionale di categoria.

RALLY

E’ ancora tempo di festeggiare, per la scuderia Jolly Racing Team. Il sodalizio pistoiese, impegnato sulle strade del Rallye Elba - appuntamento valido per il Campionato Italiano Wrc e per la Coppa Rally di Zona - si è congedato dall’asfalto dell’isola cogliendo il primato tra le vetture di classe R2B.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Alessia Gazzola.

none_o

L’artista carrarino Graziano Guiso si presenta nell’area espositiva “Sala del Grillo” del Parco di Pinocchio.

Oggi è San Michele:
è stagione delle mele
e dei chicchi d’uva .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Nato a Vienna nel 1747 è stato Granduca di Toscana dal 1765 al 1790.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Sono passati 40 anni dalla promozione delle Pistoiese in categoria A.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
MONSUMMANO
La giunta risponde ai genitori: "mense per metà a carico di tutti i cittadini"

30/3/2011 - 7:31

La giunta comunale di Monsummano risponde ai genitori della scuola materna Montessori che stanno facendo lo sciopero della mensa e cioè ritirano i bambini all'ora di pranzo e poi li riportano nel pomeriggio.

«A proposito della critica sul metodo con cui si è giunti ai rincari di mense, asilo nido e trasporto scolastico – si legge nella nota a firma della giunta – l’amministrazione comunale precisa che le tariffe sono determinate, per legge, durante l’anno solare in corso. Naturalmente questo non coincide mai con l’anno scolastico, che invece si colloca sempre a cavallo di due anni solari. Inoltre ai cittadini, gli aumenti delle tariffe sono stati comunicati preventivamente nelle diverse assemblee che la giunta comunale ha tenuto in tutto il territorio del Comune per illustrare le novità essenziali del bilancio 2011 e nei vari interventi sulla stampa. Per quanto riguarda poi il merito degli interventi sulle tariffe dei servizi scolastici, è da precisare che gli aumenti del costo dei servizi sono obbligati da un taglio di trasferimenti dello Stato al comune di 512mila euro a fronte di un aumento dei costi dei servizi che supera di molto il valore dell’inflazione.

Inoltre - scrive ancora il Comune -  nonostante gli aumenti delle tariffe, i servizi scolastici sono coperti dai contributi delle famiglie soltanto per una percentuale pari al 52,6% (l’asilo nido scende addirittura al 26%), facendo carico dei restanti costi all’amministrazione comunale, cioè a tutti i cittadini, compresi coloro che non hanno figli che frequentano la scuola.

Infine – si legge nella precisazione – in queste gravi difficoltà di bilancio, il comune non ha ridotto nessuno dei propri servizi, a partire da quelli sociali e di sostegno alle famiglie. A seguito dei tagli si è agito su consistenti riduzioni di spese, incidendo sul costo del personale, tagli alla cultura, riduzione indennità amministratori, consulenze, ecc. per una spesa di circa 400mila euro. Tuttavia ciò non è risultato sufficiente a coprire il taglio dei trasferimenti ricevuto, rendendosi inevitabile l’intervento sulle tariffe dei servizi a domanda.

 

In particolare - si legge ancora -  il Comune ha voluto chiarire che l’intera manovra del bilancio comunale 2011 ha teso a ridurre al minimo gli aumenti tariffari e, soprattutto, pur in presenza dei gravi tagli imposti dallo Stato centrale, il bilancio 2011 ha tenuto fermo l’obiettivo di aumentare le risorse finanziarie a sostegno alle famiglie e alle persone che più stanno soffrendo i morsi della crisi con ad esempio il fondo per gli affitti, contributi a famiglie in difficoltà, esoneri servizi scolastici, riduzioni Tia, pari a 255mila euro. L’amministrazione ha la piena consapevolezza di avere approvato un bilancio che prevede sacrifici per tante famiglie, ma l’obiettivo è quello di chiedere un sforzo collettivo per mantenere i servizi e, soprattutto, per aumentare le risorse finalizzate ad interventi di solidarietà a favore di coloro che non hanno neanche il minimo necessario a mantenersi e mantenere i propri figli».

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




8/4/2011 - 14:24

AUTORE:
nicoletta

SONO UNA MAMMA DI QUELLE ARRABBIATE PER QUESTI AUMENTI APPLICATI RETROATTIVMENTE A SERVIZI DA NOI USUFRUITI E DA NOI SOTTOSCRITTI A MAGGIO 2010 AL PREZZO CONCORDATO DI € 3,81 A BUONO PASTO. NON TROVA SCORRETTO IL FATTO CHE L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE A META' MARZO 2011 CI ABBIA RECAPITATO UN CONTO MAGGIORATO DEL 21,52%??? TROVO IL SUO COMMENTO ALQUANTO GRATUITO E LA INVITO AD INFORMARSI MEGLIO SULLA QUESTIONE!! IN QUANTO NOI SIAMO A CONOSCIENZA CHE A FEBBRAIO 2011 E' STATO STIPULATO UN CONTRATTO DI APPALTO CON LA SOCIETA' FORNITRICE DEL SERVIZIO PER € 4,57 AL RIBASSO. A QUANTO SI SIANO AGGIUDICATI IL SERVIZIO NON SI SA, ANCHE IL SINDACO L'ALTRA SERA HA TERGIVERSATO E CAMBIATO ARGOMENTO, MA NOI NON ABBIAMO INTENZIONE DI PAGARE € 4,63 PER UN SERVIZIO CHE SICURAMENTE IL COMUNE SI E' ACCORDATO X UN PREZZO INFERIORE.
PER ULTIMO LE PRECISO CHE NOI GENITORI NON PRETENDIAMO ASSOLUTAMENTE CHE I SERVIZI USUFRUITI DAI NOSTRI FIGLI SIANO PAGATI DA LEI!!! MA NON VOGLIAMO NEMMENO CHE CIO' CHE NOI PAGHIAMO IN PIU' PER QUESTI SERVIZI INDISPENSABILI PER LE FAMIGLIE..VADANO A PAGARE GLI ESONERI E GLI AFFITTI DI CHI LAVORA AL NERO ED OTTIENE AGEVOLAZIONI AL COMUNE.

30/3/2011 - 9:31

AUTORE:
Franco

Ritengo giusto che il Comune faccia pagare di più la mensa e l'asilo nido. Non capisco la pretesa di questi genitori che vogliono addossare alla comunità le spese della mensa dei loro figli. Già adesso i costi per oltre il cinquanta per cento sono a carico di tutti. E addittura il 70 per cento degli asili nido. E' l'ora di dire basta. Chi usiufruisce di un servizio se lo paghi. Non capisco perchè anch'io devo pagare l'asilo e la mensa a questi signori.