Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 20:12 - 04/12/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Notizia fresca fresca :
Due anziani, pensione sociale , che procedevano con fare sospetto, sono stati fermati dalla GDF .
Alle varie domande , fra l'altro hanno dichiarato di andare a comprare le .....
CALCIO

Domenica alle ore 14:30 lo stadio "Idilio Cei" di Larciano ospiterà il sessantunesimo derby della storia in campionato tra viola ed azzurri.

BASKET

La Fabo Herons ha un assetto totalmente nuovo, dopo aver preso in A2 Adrian Chiera, dalla serie superiore arriva anche l’ultimo inserimento rossoblù, Marco Arrigoni, milanese, 31 anni, 3 promozioni dalla B alla A2, l’ultima qualche mese fa con Rimini, di cui era capitano.

RALLY

Due stagioni su asfalto e, al termine della seconda per la GR Yaris Rally Cup, arriva il debutto su fondo sterrato. Avrà luogo nel fine settimana prossimo, 10 e 11 dicembre, in occasione del Rally del Brunello, sesto e conclusivo atto del Campionato Italiano Rally Terra, a Montalcino, Siena.

CICLISMO

A partire dalle 16.30 di sabato 3 dicembre si terrà la premiazione delle società pistoiesi di ciclismo per l'anno 2022.

SPORT

Tredicesima edizione per la giornata del veterano dello sport e premiazione dell'atleta dell'anno. La cerimonia si terrà al ristorante Barbarossa di Serravalle il 3 dicembre alle 17,30.

BASKET

Fabo Herons Montecatini comunica di avere raggiunto un accordo per le prossime tre stagioni sportive, sino al 2024-25 compreso, con Marco Arrigoni, ala-centro di 198 cm, proveniente dalla Serie A2, che era in forza alla Rinascita Basket Rimini, di cui era capitano e dalla quale si è appena liberato.

BASKET

Alessio Torrini, ala pivot classe 2005 e protagonista dell'Under 19 Silver Movind, in testa alla classifica del proprio campionato, è stato tesserato in doppio utilizzo con la Wolf Pistoia.

BASKET

Arriva il primo stop casalingo di questo campionato per la Over Nico Basket Ponte Buggianese, superata 61-76 dalla Pallacanestro Femminile Pontedera.

none_o

Sono 40 i presepi provenienti da varie regioni d’Italia e dal mondo ospitati negli Antichi Magazzini e nell’atrio del palazzo comunale.

none_o

Si tratta di un progetto no-profit: il ricavato è destinato in parte alla campagna “Salviamo le api” di Greenpeace.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Fritole veneziane.

Sales and Didactic Consultant

Descrizione della posizione

SI .....
E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
none_o
Vasta operazione antidroga dopo due decessi: 6 ordinanze cautelari in carcere e 5 arresti in flagranza di reato

7/9/2022 - 16:18

PESCIA - Nelle prime ore della mattinata di ieri, i carabinieri della compagnia di Montecatini Terme, coadiuvati nella fase attuativa da un’unità antidroga del nucleo carabinieri cinofili di Firenze, hanno dato esecuzione a 6 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti altrettanti cittadini stranieri (sei nordafricani ed un nigeriano), indagati a vario titolo dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti tipo “cocaina” ed “eroina” e morte come conseguenza di altro delitto.


L’attività investigativa - denominata convenzionalmente “Powder” - condotta dalla stazione carabinieri di Pescia e diretta dalla Procura della Repubblica di Pistoia, si è sviluppata dall’agosto 2021 al febbraio 2022, permettendo di accertare circa 3300 cessioni (adeguatamente documentate da attività tecniche e riscontri sul territorio) per un controvalore complessivo di circa 200.000 euro, sequestrare gr. 123 di “eroina” e 77 di “cocaina” (50 dosi totali circa), 404 di “hashish” oltre a vario materiale da taglio e confezionamento, sequestrare una carabina funzionante provento di furto e denaro contante pari ad € 1000 nonché segnalare 22 assuntori alle competenti autorità amministrative, registrando complessivamente 11 indagati, di cui 2 per favoreggiamento personale.
 
Le indagini traggono origine dal decesso di 2 persone residenti nel pesciatino per le quali gli accertamenti medicolegali avevano stabilito una connessione tra la morte e l’assunzione di eroina.
 
Conseguentemente, le investigazioni si concentravano sulla ricostruzione degli ultimi giorni di vita dei due uomini attraverso l’analisi dei tragitti e delle frequentazioni, l’escussione di testimoni e un significativo numero di servizi di osservazione che, coniugati con gli accertamenti tecnici, hanno permesso di individuare un gruppo composto da 5 magrebini che avevano come base un appartamento in Altopascio (LU). Ad esito di questi accertamenti, nel settembre 2021, veniva effettuata una perquisizione nell’appartamento di Altopascio, dove tre degli indagati venivano arrestati perché trovati in possesso di eroina, cocaina ed una carabina, pronta all’uso, risultata rubata.
 
A seguito delle indagini svolte, a carico di due dei cinque appartenenti al gruppo si evidenziavano, inoltre, gravi elementi indiziari in relazione alla vendita dello stupefacente alle due persone decedute. 
 
Venivano nel complesso accertati numerosissimi episodi di cessione degli stupefacenti a decine di consumatori della Valdinievole e della Lucchesia, che permettevano di individuare due ulteriori soggetti che, seppur non appartenenti al gruppo, svolgevano l’illecita attività di compravendita di cocaina ed eroina, anch’essi destinatari delle misure cautelari.
 
Durante la fase esecutiva i circa 40 militari della compagnia di Montecatini, che hanno operato in Pescia, Fucecchio, Pisa e Altopascio, hanno proceduto all’arresto dell’individuo di origine tunisina ritenuto a capo del gruppo, colto in flagranza del reato di possesso ai fini di spaccio di 26 grammi di “cocaina”, 11 di “eroina”, 10 di “hashish” (già suddivisi in dosi e pronti per essere venduti) a seguito di specifici servizi di pedinamento, mentre si trovava alloggiato presso una struttura ricettiva di Chiesina Uzzanese. Nel corso della perquisizione venivano sequestrati inoltre un bilancino di precisione, vari materiali necessari al confezionamento degli stupefacenti e la somma contante di € 450.
 
La successiva perquisizione eseguita nell’appartamento di Altopascio, ritenuto base operativa del gruppo, conduceva all’arresto in flagranza di 4 ulteriori soggetti poiché venivano rinvenuti nella loro disponibilità 394 grammi di “hashish” in panetti, 20 di “cocaina” e 112 di “eroina” suddivise in dosi nonché la somma contante di 550 euro.

Fonte: Carabinieri
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/9/2022 - 19:37

AUTORE:
Bibi

Caro Luciano , vedo con piacere che sei contro l assunzione di sostanze stupefacenti .

Me ne compiaccio.

Condivido il tuo punto di vista e lo faccio mio .

Però io ho scritto altro .

In sostanza ho un concetto di "droga" un po' più ampio del tuo .

Definirei droga tutto ciò che determina una assuefazione al prodotto o ad una attività.

Il sesso è droga ? No certamente ! Ma il sesso compulsivo lo è certamente .

Il gratta e vinci ? No ! Ma quando ti giochi ogni mese lo stipendio , magari è una droga .

Una birra ? Una no , ma ...

Il vino ? Quando mai ? Ma ...

Uno spinello ? No ! Ma se non vivi se non te ne fai una quantità industriale , allora è diverso .

Quindi , alla fine , di modi di rimanere alla trappola, ce ne sono tantissimi .

Tutti in effetti esistono solo per nostre abitudini .

A questo punto , per una classificazione interviene la legge .

La legge determina artificialmente cosa è permesso e cosa no !
I criteri naturalmente sono di varia natura , da quello della salute alla pericolosità sociale e via andare .

Quindi rovinare sé e la famiglia al gratta e vinci , basta andare dal tabaccaio do trovi in libera vendita prodotti a base di nicotina che possono ucciderti (e spesso lo fanno).va bene .

Occorre ragionare se sia giusto disinteressarsi , consentire o proibire , da parte dell' stato certe sostanze che alterano la mente di una persona .

Ala fine il proibizionismo rende produzione e commercio di sostanze di nessun valore iniziale con ricarichi commerciali da favola e capaci di inquinare la politica e l economia creando enormi somme senza controllo .

Forse un sano controllo sulla vendita di droghe non risolverebbe il problema dei drogati ma ne tutelerebbe la salute e ridurrebbe o azzererebbe incrimini legati alla fornitura illegale .

Per ultimo e non ultimo ...
Qui da noi (U k) dopo ogni fine settimana , si trovano a terra numerose bombole vuote di gas esilarante .
Ci sono anche tanti palloncini di gomma come quelli delle feste .
La bombola si compra su Amazon dagli stessi fornitori di ricariche di gas per la panna montata .
Tutto a prezzi di un ingresso al cinema e divertimento assicurato per diversi ragazzotti.
Sballo assicurato per alcuni secondi e tutto legale ed a prezzo modico.

E allora ? Quale è la differenza ?

Si dice che il momento dell orgasmo , sia come la sensazione di una droga .
A quando il proibizionismo di tale attività?

8/9/2022 - 14:23

AUTORE:
Luciano

Che ti sei fumato ?
Vorresti liberalizzare anche la droga ?
Lo vedo con gli alcolici a vendita libera cosa succede, minori e non solo che si ubriacano come niente.

7/9/2022 - 16:50

AUTORE:
Bibi

L'alcol è una droga ?

Certamente ! Ma si trova in libera vendita e i credenti non andranno in carcere se non cedendo questa droga a minori .
Altrettanto per chi beve alcool , non mi risulta segnalazioni al prefetto e patente negata .

Invece per tutte quelle che la legge definisce di volta in volta "sostanze" questo non avviene . Anzi l Ma perché?

Se l alcol è una droga , quale è la differenza ?

Solamente che chi produce , o commercia o cede alcol , paga le tasse , mentre chi gestisce altre "sostanze " non le paga .

Questo comporta accumulo di ricchezze fuori di ogni controllo e capaci di corrompere politici , drogate i mercati impedendo la sana concorrenza .

Tutto questo perché esiste il proibizionismo.

Moralmente si dice che da una liberalizzazione, data la facilità di approvvigionamento ,aumenterebbero gli assuntori.

Qui mi arresto se non dopo aver invitato ad una onesta riflessione

E allora le forze dell' ordine impiegheranno risorse ingenti rincorrendo distributori di droga , che fanno il loro mestiere grazie al proibizionismo che arricchisce chi poi dovrebbe liberalizzare.
Meditate gente, meditate