Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 10:01 - 24/1/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che in apparenza è un problema di oggi , e cioè di questi sacchi rossi che identificano l"APPESTATO" non è cosa nuova . Nei Promessi Sposi , la vedova con figli si raccomando' a Renzo perché .....
BASKET

Col risultato finale di 82-61, tra l’altro la Nico Basket ha ribaltato la differenza canestri (all’andata era stata sconfitta di tredici lunghezze), che potrebbe essere utile per un posto migliore nei playoff in caso di arrivo alla pari in classifica.  

CALCIO

Dopo mesi e mesi trascorsi nella vana speranza che qualcosa si muova all'orizzonte, le Società iscritte ai campionati regionali di Eccellenza hanno deciso di passare all' azione. Per questo abbiamo sentito uno dei più apprezzati e stimati dirigenti sportivi della Toscana, il Direttore Generale del Montecatini Fabrizio Giovannini.

CALCIO FEMMINILE

Colpo della Pistoiese! Ecco il centrale ErriquezEleonora Erriquez, nata il 31/01/2001 arriva in arancione in prestito dall'AudaxRufina.

BASKET

Prestazione da incorniciare per la Giorgio Tesi Group Pistoia, che infligge la prima sconfitta stagionale alla capolista Forlì dopo un secondo tempo da urlo.

BASKET

Un’altra puntata del derby tra la Giorgio Tesi Group Nico Basket e la Bruschi Basket Galli San Giovanni Valdarno è previsto per sabato 23 gennaio, al Pala Pertini di Ponte Buggianese. Palla a due alle ore 21.

BASKET

L’ala-pivot di origini lituane Laura Zelnyte è stata una delle sorprese più piacevoli di questa prima parte di stagione della Gtg Nico Basket.

SPORT

Si è svolta lunedi 18 gennaio nel salone del circolo Acli di Masiano l’assemblea ordinaria elettiva valida per il rinnovo delle cariche del consiglio provinciale Csi di Pistoia.

BASKET

La Giorgio Tesi Group Pistoia cala il poker mandando al tappeto la capolista Ferrara al termine di una prestazione di grande intensità e furore agonistico, decisa solo dopo un tempo supplementare.

none_o

La galleria Me Vannucci è lieta di partecipare ad Artefiera Playlist.

none_o

Esce a gennaio Anima liquida, terzo capitolo del progetto Breaking Book.

Valle squisita,
Valle incantata,
Valle laterale al bacino .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il Sovrano Militare Ordine di Malta rende omaggio all'arte moderna.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
PESCIA
Un incontro sul futuro dell'ospedale della Valdinievole

2/3/2011 - 19:05

Domani, giovedì 3 marzo, alle ore 18 nella Sala Mons. Angelo Simonetti, pié di piazza Mazzini (ex cinema Vox), l'Idv organizza un incontro sul tema "Pescia e ospedale della Valdinievole: quale futuro?".
L’Italia dei Valori della provincia di Pistoia, con la collaborazione del gruppo consiliare Regionale, invitano a partacipare tutti i cittadini.
Alla presenza dell’assessore regionale alla Sanità, Daniela Scaramuccia, l’incontro è un’occasione unica per fare luce su un tema che sta a cuore a tutto il territorio della Valdinievole: il nuovo ospedale.
“Dopo anni di impegno politico, a tutti i livelli, da parte dell’Italia dei Valori – commenta Giuliano Fedeli, vicepresidente del consiglio regionale – siamo giunti finalmente ad un punto decisivo per il futuro dell’ospedale della Valdinievole: la presenza dell’assessore regionale al nostro incontro è molto significativa e sta a testimoniare l’interesse e gli impegni che la Giunta sta assumendo verso tutti i residenti del territorio pesciatino, impegni che saranno al centro del dibattito-confronto di questa sera”.
Interverranno:
Daniela Scaramuccia, assessore regionale alla sanità
Giuliano Fedeli, vicepresidente del consiglio regionale
Roberta Marchi, sindaco di Pescia
Maria Luisa Chincarini, consigliera regionale IDV
Giuseppe Bellandi, presidente conferenza sindaci Valdinievole
Alessandro Scarafuggi, direttore generale ASL
Conclusioni: Fabio Evangelisti, segretario regionale IDV
Modera: Antonio Grassotti, Vicesegretario IDV Provincia di Pistoia

Fonte: Idv
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




4/3/2011 - 17:58

AUTORE:
Incontro

Questo sarebbe il giusto titolo per questa nascitura struttura ospedaliera,il termine ospedale USL3 Valdinievole è da rivedere.Tenga duro sig.Giulietti unico esempio di politico entrato nel merito di questa storia,gli altri sono attendisti e non si pronunciano perchè questa storia non gli interessa più di tanto.Saluti.

4/3/2011 - 14:32

AUTORE:
Gino Giulietti

Purtroppo leggo cose inesatte riguardo al sito del nuovo ospedale, in particolare voglio ricordare che martedì 15 p.v. alle 21,00 il Consiglio comunale di Pieve, così come ha fatto quello di Monsummano e come ha detto il Sindaco di Lamporecchio, approverà un ordine del girono presentato dal sottoscritto che chiede di rivedere, non per un interesse di campanile, l'ubicazione della nuova struttura in modo che sia l'ospedale della Valdinievole e non solo di una parte. Considerato che tutti i comuni devono compartecipare alla realizzazione del nuovo plesso, non si capisce come potrebbe essere questo, meno accessibile rispetto a quello nuovo di Pistoia, pensate ci sarebbero come minimo circa 40 mila cittadini che farebbero prima a recarsi al campo di volo a Pistoia che arrivare al confine con Montecarlo!! Infine invito a documentarsi, ed a leggere l'accordo sottoscritto dai sindaci, ad oggi il vecchio ospedale è oggetto di invariante strutturale nel piano regolatore di Pescia. Ho infine letto che qualcuno parla di Villa Basilica, per lo stesso motivo potri citare Marliana e la parte di Serravalle che guarda la Valdinievole. Lascio quindi ai lettori ogni altra considerazione in merito.

3/3/2011 - 14:04

AUTORE:
Incontro

La mia verità è che la zona Est e centro valdinievole non si rivolge alle strutture di Empoli(Lamporechio) o Larciano(Pistoia)per comodità,come da lei affermato, ma lo fà per necessità logistica in quanto Pescia è decentrata in tutto.E' vero lo sò benissimo che la Piana di Lucca si rivolge spesso alla struttura Pesciatina,ma essendo in costruzione un nuovo ospedale di Lucca si dovrebbe potenziare per questi casi,poi i numeri che lei propone sono minoritari nei riguardi dei 5 comuni che ho preso ad esempio.Per finire non vedo quali conseguenze gravi ed inopportune,a detta dei sindaci, consiglierebbero la permanenza a Pescia se non quella di tutelare i posti di lavoro o altro sia per i dipendenti che per l'indotto che ne deriva.Mai parlato di edificare la struttura a Lamporecchio o Larciano ma confermo che per me Pieve sarebbe l'ideale per tutti.

3/3/2011 - 11:25

AUTORE:
Emanuele Cutsodontis

Sarebbe facile rispondere che gran parte della zona est della Valdinievole da sempre preferisce servirsi di altre strutture pubbliche, che evidentemente le sono più comode (Pistoia ed Empoli su tutte), mentre l'Ospedale di Pescia è anche l'ospedale di Villa Basilica, Altopascio, Porcari, Capannori e di tutta la Svizzera Pesciatina, frazioni per le quali spostare la struttura a Larciano o Lamporecchio o anche solo Pieve a Nievole, come qualcuno ha suggerito e come, per fortuna, i Sindaci della Valdinievole hanno ritenuto inopportuno fare, avrebbe gravi conseguenze. Nessuno, in ogni modo, impedisce a quei 70mila circa valdinievolini di partecipare all'iniziativa e dire la loro. Di sicuro sono stati invitati i Sindaci di tutti i Comuni.

3/3/2011 - 1:11

AUTORE:
Incontro

A codesto incontro sarebbe consigliabile sentire anche il parere dei 69.995 abitanti della zona centro-est della Valdinievole che poi saranno i beneficiari dei servizi ospedalieri.Mi spiego meglio,è pur vero che, il presidente della conferenza dei sindaci.Dottor Bellandi ed i suoi colleghi sono i rappresentanti delle amministrazioni locali di Montecatini-Pieve-Monsummano-Larciano-Lamporecchio ma siamo sicuri che rappresentino a pieno titolo la volontà dei cittadini o sarebbe più democratico sentire cosa ne pensano i loro 69.995 amministrati promuovendo un qualche referendum sulla nuova eventuale dislocazione?Saluti.